Fortnite rimosso da Google Play ed Apple Store: la reazione di Pompliano
Fortnite rimosso da Google Play ed Apple Store: la reazione di Pompliano
Fintech

Fortnite rimosso da Google Play ed Apple Store: la reazione di Pompliano

By Marco Cavicchioli - 14 Ago 2020

Chevron down

L’app del celeberrimo gioco Fortnite è stata rimossa dall’iOS App Store e da Google Play Store per violazione delle norme. 

Inizialmente sembrava essere un problema legato solamente all’App Store di Apple, dovuto al fatto che Epic Games, ovvero la società che ha sviluppato il gioco, aveva introdotto un sistema di pagamento diretto che consentiva facoltativamente agli utenti di non utilizzare i sistemi di pagamento di Apple stessa. 

Questo costituisce una violazione delle regole dell’App Store, pertanto l’eliminazione era inevitabile. 

Ma una cosa simile è poi accaduta anche sul Play Store di Google, visto che la funzione di pagamento diretto consente anche di non utilizzare Google Pay. 

Questa cosa però, nonostante la palese violazione delle norme, appare meno condivisibile sul Play Store di Google, visto che si è sempre ritenuto l’ambiente Google/Android più aperto, o perlomeno meno autoreferenziale di Apple. 

A tal proposito Google ha dichiarato

“L’ecosistema Android aperto consente agli sviluppatori di distribuire app tramite più app store. Per gli sviluppatori di giochi che scelgono di utilizzare il Play Store, abbiamo politiche coerenti che sono giuste per gli sviluppatori e che proteggono lo store per gli utenti. Sebbene Fortnite rimanga disponibile su Android, non possiamo più renderlo disponibile su Play perché viola le nostre norme. Tuttavia, accogliamo con favore l’opportunità di continuare le nostre discussioni con Epic e riportare Fortnite su Google Play”. 

Il problema pertanto non riguarderebbe affatto un’incompatibilità della nuova versione di Fortnite con Android, ma solo con il Google Play Store, che tuttavia è la principale fonte di distribuzione delle app per Android. 

Android a sua volta è il sistema operativo per smartphone più diffuso al mondo, visto che è utilizzato da più del 70% dei dispositivi in circolazione. 

Il gioco ad oggi risulta comunque ancora scaricabile su Android utilizzando l’app Epic Games o il Samsung Galaxy Store sui dispositivi Samsung, mentre su iPhone e iPad ad oggi risulta impossibile da scaricare. 

Il commento di Anthony Pompliano

Commentando l’accaduto su Twitter, Anthony Pompliano ha scritto: 

“Apple e Google hanno rimosso Fortnite dai loro mobile app store oggi. 

 Il futuro sarà decentralizzato. 

 Non perché sia bello, ma perché sarà necessario”. 

D’altronde Epic Games ha una lunga serie di contrasti alle spalle con le app store di Apple e Google, ed il contrasto odierno riguarda solamente la possibilità per gli utenti di scegliere metodi di pagamento alternativi a quelli di fatto imposti dai due colossi. 

Una piattaforma di distribuzione aperta, e magari decentralizzata, forse si addicerebbe di più ad un sistema in teoria aperto come Android, e consentirebbe agli sviluppatori di non dover dipendere da regole di fatto imposte da un’unica società che, pur avendo sviluppato il sistema operativo, lo ha sempre voluto distribuire gratuitamente come se fosse una piattaforma realmente pubblica ed aperta. 

D’altro lato è anche vero che queste limitazioni non riguardano specificatamente Android, ma la piattaforma di distribuzione delle app di proprietà di Google. Ma proprio perché il gigante del web domina letteralmente il mercato delle app Android, è un po’ come se ne fosse la piattaforma di distribuzione ufficiale.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.