Stargraph e la blockchain per gli eventi sportivi e musicali
Stargraph e la blockchain per gli eventi sportivi e musicali
Blockchain

Stargraph e la blockchain per gli eventi sportivi e musicali

By Marco Cavicchioli - 14 Ago 2020

Chevron down

Stargraph è una startup che utilizza certificazione su blockchain, realtà virtuale e realtà aumentata per migliorare l’esperienza utente in eventi sportivi e musicali. 

Consente a chi la utilizza di offrire contenuti esclusivi ai fan grazie ad una tecnologia proprietaria, ed agli sponsor di raccogliere dati necessari a migliorare i loro eventi e sviluppare nuove feature. L’obiettivo è dare la possibilità alle star di instaurare un rapporto ancora più unico con i loro fan. 

La startup è stata fondata nel 2017 da Michele Imbimbo e Ursula De Masi, e la sua piattaforma conta già oltre 35.000 fan iscritti. 

Inoltre sono già stati diversi gli eventi a cui la startup ha partecipato, tra cui: 

  • MotoGP, Formula1, 
  • SerieA, TIM CUP, 
  • Festival di Sanremo,
  • Jova Beach Party. 

Sono stati coinvolti brand come TIM, Infront e Petronas, oltre a star internazionali come Lewis Hamilton. 

La filosofia di Stargraph

L’approccio al mercato propone di capire quali siano le preferenze dei fan, analizzando i dati raccolti dalla piattaforma, in modo da poter creare offerte commerciali con esperienze migliorate. Sponsor, club, federazioni ed organizzatori di eventi hanno a disposizione strumenti adeguati per massimizzare il ROI delle partnership.

I servizi offerti sono:

  •  gli autografi digitali certificati su blockchain, 
  • le cartoline StarCARDS che, una volta acquistate e ricevute, possono essere attivate con le realtà aumentata, 
  • un servizio di attivazione dei fan con la realtà virtuale,
  • un tool di fan relationship management che consente di raccogliere ed analizzare i dati dei fan per massimizzare le strategie di marketing. 

Stargraph sta anche lavorando ad un nuovo progetto, nato in particolare dall’esperienza maturata finora con l’utilizzo della tecnologia blockchain

Si tratta dello sviluppo dell’inner circle delle star, ovvero una sorta di circolo esclusivo per i fan che da un lato dà alle star la possibilità di gestire e monetizzare direttamente la propria fan-base, e dall’altro i fan possono sentirsi vicino ai propri idoli e ottenere anche ritorni economici. 

Gli altri progetti blockchain su sport e musica

Lo sport è un settore in cui da qualche tempo si stanno sperimentando diverse iniziative legate alle nuove tecnologie, ed in particolare alla blockchain. Potrebbe costituire una specie di laboratorio da cui potrebbero uscire nuovi strumenti utilizzabili poi anche in altri settori. 

Ad esempio, l’iniziativa del fantacalcio online di Sorare, che utilizza figurine dei calciatori emesse su blockchain con NFT unici che ne certificano il proprietario, potrebbe fare da apripista per l’utilizzo anche in altri settori in cui possono essere creati e distribuiti oggetti da collezione digitali legati a personaggi famosi. 

Oppure l’iniziativa dei fan-token di Socios, che mostra come sia possibile offrire ai fan uno strumento per diventare protagonisti di decisioni ad esempio riguardanti club sportivi di chiara fama. 

Sicuramente il mondo dei fan sportivi, o di altri settori, è terreno fertile per sperimentare nuove iniziative e tecnologie basate sul potere della blockchain di creare oggetti digitali unici di cui viene certificata pubblicamente ed in maniera trustless la proprietà esclusiva. 

Una cosa simile non è mai stata possibile fino ad ora, pertanto si aprono vere e proprie strade inesplorate che potranno consentire in futuro di mettere sul mercato soluzioni mai viste prima.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.