banner
USA, il progetto del dollaro digitale va avanti
USA, il progetto del dollaro digitale va avanti
Stable Coin

USA, il progetto del dollaro digitale va avanti

By Marco Cavicchioli - 14 Ago 2020

Chevron down

La Federal Reserve sta proseguendo i suoi studi in merito al progetto di emettere un dollaro digitale. 

Lo ha confermato il membro del Board of Governors della stessa banca centrale americana, Lael Brainard, che durante un discorso all’Innovation Office Hours della Federal Reserve Bank di San Francisco ha dichiarato: 

“Dato l’importante ruolo del dollaro, è essenziale che la Federal Reserve rimanga sulla frontiera della ricerca e dello sviluppo delle politiche riguardanti le CBDC. Nell’ambito di questa ricerca, le banche centrali stanno esplorando il potenziale delle tecnologie innovative per offrire un equivalente digitale del contante… Stiamo continuando a valutare le opportunità e le sfide, nonché i casi d’uso, di un CBDC, come complemento dei contanti e delle altre opzioni di pagamento”. 

Brainard ha parlato proprio delle ricerche in corso della Fed per valutare la potenziale emissione del dollaro digitale, descrivendo alcuni esperimenti che si stanno tenendo presso il Board Technology Lab. È qui che un team multidisciplinare della Fed di Cleveland, Dallas e New York sta studiando le implicazioni delle valute digitali sull’ecosistema dei pagamenti, sulla politica monetaria, sulla stabilità finanziaria, sulle banche, sul sistema finanziario, e per quanto riguarda la protezione dei consumatori, insieme al team del Board stesso. 

Il MIT al lavoro sul progetto del dollaro digitale

In particolare la Fed di Boston, in Massachusetts, sta collaborando con i ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology) per realizzare e testare un prototipo di valuta digitale della banca centrale (CBDC), di cui verranno pubblicate delle note con codebase offerto come software open-source. 

Lo stesso vicepresidente assistente del gruppo Secure Payments della Fed di Boston, Robert Bench, recentemente aveva affermato di ritenere di importanza fondamentale la creazione di un dollaro digitale statunitense tokenizzato, per competere con la medesima iniziativa in corso della banca centrale cinese, e mantenere lo status di valuta di riserva globale.

Il progetto del dollaro digitale pertanto sembra decisamente ben avviato, sebbene ancora solamente in fase di studio. 

Sempre Brainard ha poi confermato che l’iniziativa cinese spinge la Fed a dover per forza di cose prendere in considerazione lo studio dell’emissione di un eventuale dollaro digitale. 

Ha anche aggiunto che gli obiettivi di questo studio sono quelli di comprendere la sicurezza e l’efficienza dei sistemi delle valute digitali e fornire esperienza pratica per comprendere il funzionamento delle tecnologie già attualmente disponibili. 

Queste parole potrebbero suggerire che lo studio in atto non sia solamente di tipo teorico, ma forse addirittura di tipo pratico, con sperimentazioni tecniche in atto per valutare non solo la fattibilità del progetto, ma anche le implicazioni tecnologiche. 

Inoltre ha confermato che gli Stati Uniti stanno partecipando ad una coalizione delle banche centrali sulle CBDC, per condurre insieme esperimenti, comprendere le minacce relative alla sicurezza informatica, alla contraffazione, alle frodi ed all’antiriciclaggio.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.