banner
Lo staking di USDN rende davvero il 20%? Un’indagine indipendente
Lo staking di USDN rende davvero il 20%? Un’indagine indipendente
Stable Coin

Lo staking di USDN rende davvero il 20%? Un’indagine indipendente

By Cleo Johnson - 16 Ago 2020

Chevron down

Tra le ultime offerte sul mercato degli investimenti crypto troviamo USDN, la stablecoin peggata al dollaro che promette un ROI sullo staking di oltre il 13%. 

È davvero possibile guadagnare così tanto con una stablecoin – e se sì, da dove vengono queste ricompense?

Dove investire – in strumenti ad alto reddito come il crypto staking e il lending o in stablecoin più affidabili? Questa domanda è ora nelle menti di molti investitori crypto. 

Da un lato, è naturale voler massimizzare il profitto, ma dall’altro è meglio non rischiare troppo durante la crisi. Ad esempio, le monete in staking generano un’alta ricompensa in caso di default, ma sono anche molto volatili. 

Per questo motivo, quando ho visto un banner pubblicitario che pubblicizzava lo staking di USDN su Waves.Exchange al 13%, mi sono subito incuriosito. Ancora più interessante è il fatto che quando ho visitato di nuovo la pagina di staking un paio di giorni dopo, l’APR (tasso percentuale annuo) era salito al 13,8%.

USDN staking

Il prospetto di guadagnare il 13% in stablecoin – quindi senza volatilità – è decisamente allettante. Tuttavia, ero sospettoso: come può una stablecoin fruttare un interesse così elevato? E perché la cifra sul sito web è improvvisamente cresciuta?

Inoltre, come si fa a fare staking di una stablecoin? Tutte le famose stablecoin (USDT, USDC, DAI, BUSD ecc.) sono token ERC20, che, come sappiamo, non supportano ancora lo staking del PoS. 

Ovviamente, io non mi precipiterei a investire in una moneta sconosciuta con un rendimento così elevato. 

Tuttavia, non potevo semplicemente screditare USDN indicandolo come una truffa senza prima dare un’occhiata da vicino. Così ho deciso di condurre una piccola indagine per scoprire da dove venisse quel 13%.

Confrontiamo alcuni tassi

Prima di analizzare la fonte delle entrate derivanti dallo staking di USDN, confrontiamola con i tassi di remunerazione offerti da altri asset. Il 13% è molto o poco nell’attuale panorama degli investimenti crypto?

Occorre ricordare che l’APR si forma in modo diverso per quanto riguarda lo staking e il lending. I tassi d’interesse dei prestiti crypto variano a seconda della domanda e dell’offerta, mentre i tassi di remunerazione dallo staking sono integrati negli algoritmi della moneta. 

Inoltre, le monete da staking sono molto volatili, e un improvviso calo dei prezzi può “divorare” la maggior parte della ricompensa. Per contro, il crypto lending si basa su stablecoin, quindi l’interesse che si guadagna è protetto dalle fluttuazioni del mercato. In parole più semplici:

  • Staking: tasso di ricompensa stabile, monete volatili;
  • Lending: tasso di ricompensa volatile, prezzo delle stablecoin.

Naturalmente, ciò che un investitore ordinario vuole sapere è dove può guadagnare di più. Ecco una tabella dei tassi d’interesse attivi per la fine di luglio 2020.

USDN staking
Fonte: loanscan.io

Come si può vedere, l’APR più alto disponibile è stato del 9% (USDC). 

Ora diamo un’occhiata ai tassi di remunerazione in caso di default degli asset in staking. Molti di essi sono disponibili su Binance:

USDN staking

Il massimo che si può sperare è il 10% – e ancora una volta, bisogna ricordare i rischi di volatilità. 

Così, il 13% offerto su USDN (Neutrino USD) è uno dei tassi di interesse più alti del mercato. Ma da dove viene?

Staking USDN: l’indagine inizia dalla homepage

Naturalmente, il primo posto in cui ho guardato è stata la pagina relativa allo staking su Waves.Exchange. 

USDN staking

Le condizioni sono più o meno le stesse di qualsiasi prodotto di staking di qualità: pagamenti giornalieri, prelievi senza penalità, ecc. È anche possibile acquistare USDN con una carta bancaria senza spese, cosa rara per queste monete:

USDN staking

Ciò che la pagina non descrive è come viene generato l’interesse; menziona solo che il tasso di cambio USDN è agganciato al dollaro USA. Credo che sarebbe meglio pubblicare le informazioni sul calcolo dei premi sulla pagina principale dello staking, perché questa è la prima domanda che ogni investitore prudente si pone.

Esaminando più a fondo le FAQ

In fondo alla pagina principale ho trovato un link alle FAQ. Purtroppo non è molto informativo. (Aggiornamento: ho contattato il team del progetto e ho scoperto che è in arrivo una nuova FAQ molto più dettagliata). Dalle FAQ ho scoperto quanto segue: 

  • Lo staking è decentralizzato e regolato da uno smart contract, in modo che gli utenti abbiano il pieno controllo sulle loro monete (a differenza di Binance, per esempio);
  • Neutrino USD opera sulla blockchain di Waves e il suo codice di contratto è disponibile online.

Per quanto riguarda la remunerazione vera e propria, le FAQ hanno solo 4 righe in materia:

“I premi provengono dai pagamenti per la generazione di nuovi blocchi e dalle commissioni di transazione sulla piattaforma Waves. I premi dallo staking vengono automaticamente inviati allo smart contract di Neutrino, convertiti in USDN al tasso di mercato corrente di WAVES e inviati agli staker. La generazione di blocchi in Waves è regolata dalla politica monetaria decentralizzata del protocollo”.

Avete capito qualcosa da questa spiegazione? Io no, perciò sono andato alla ricerca di un White Paper.

I segreti sono rivelati

Individuare il White Paper di USDN si è rivelato sorprendentemente difficile. Finalmente ho trovato la beta della dApp Neutrino, dove è possibile acquistare USDN direttamente dallo smart contract inviando WAVES al relativo indirizzo. Lì, nella sezione Docs, ho trovato le risposte alle mie domande. 

USDN staking

USDN staking

L’APR di Neutrino USDN viene generato come segue:

  1. Tutte le monete USDN sono coperte al 100% da WAVES;
  2. La blockchain di WAVES ha un proprio algoritmo di staking che genera il 6,5% all’anno;
  3. Tutti i WAVES bloccati nello smart contract Neutrino USD partecipano allo staking, generando automaticamente il 6,5%;
  4. Questo ricavo dallo staking viene convertito in USDN e assegnato solo a coloro che hanno messo in staking il loro USDN. Questo significa che l’APR degli stakers USDN è superiore al 6,5%, perché ricevono anche la quota di quei detentori di USDN che non mettono in stake le loro monete;
  5. Quando il prezzo di WAVES cresce, crescono anche le ricompense derivanti dallo staking di WAVES (nell’equivalente in USD).

Ecco un esempio. Immaginate che siano stati emessi in totale 1000 USDN, quindi la capitalizzazione di mercato totale della moneta è di 1000 dollari e c’è un equivalente di 1000 dollari in WAVES depositati nello smart contract. Ora, supponiamo che il 50% di tutti i USDN (500 monete) siano messi in staking. Il rendimento totale dello staking di WAVES è di $1000*6,5% = $65. Questo denaro sarà distribuito tra le 500 monete USDN messe in stake. Se avete messo in stake, per esempio, 100 USDN, il vostro guadagno personale sarà di $65*(100/500)=$13, e il vostro APR sarà pari al 13% (13/100).

Ora immaginiamo che il prezzo di WAVES sia improvvisamente cresciuto del 50%, come è successo nel luglio 2020. Ora i WAVES bloccati nello smart contract valgono 1.500$, non 1.000$. E il profitto che produrrà non sarà di 65 dollari ma di 1500*6,5%=97,5 dollari. Se ipotizziamo che non siano state emesse nuove monete USDN durante questo periodo e che la quota di USDN messa in staking non sia cambiata, allora le vostre 100 monete vi faranno guadagnare $97,5*(100/500)=$19,5 – o un APR del 19,5%. 

Se alcuni degli utenti tolgono il loro USDN dallo staking, i vostri guadagni saranno ancora più alti. Per esempio, se invece di 500, vengono messi in stake 400 USDN (40% dell’offerta), riceverete $97,5*(100/400)=$24,375. 

6) L’APR dello staking di USDN oscilla costantemente a seconda del prezzo di WAVES, del numero di USDN in circolazione e della quota di USDN nello staking.

Per capire meglio le dinamiche delle ricompense, ho fatto diverse domande al team su Telegram. È emerso che nella prima metà del 2020 il tasso di interesse è rimasto all’8-10%. A luglio, c’è stato un rally di WAVES, mentre la quota di USDN in staking è diminuita, producendo un aumento dell’APR al 20%. Tra l’altro, il dato sul sito è la media delle due settimane.

Riassumendo: dovreste fidarvi dell’alto tasso di interesse di USDN?

Dopo aver passato ore a fare ricerche su Neutrino USD, sono giunto alle seguenti conclusioni.

I pro di USDN:

  • La procedura di staking è davvero decentralizzata. Gli utenti crypto avanzati possono facilmente controllare quanti WAVES sono bloccati nel contratto, quanti USDN sono messi in staking, ecc. Insomma, è possibile verificare se il tasso di interesse indicato è corretto;
  • Il prezzo della moneta non differisce da 1 dollaro per più di un centesimo;
  • Poiché i pagamenti vengono effettuati in stablecoin, le ricompense sono immuni alla volatilità.

I contro di USDN: 

  • Il sistema di calcolo dei premi è complesso; il tasso di interesse dipende da diversi fattori e continua a cambiare;
  • Se il prezzo di WAVES scende (o se la quota di USDN messa in staking aumenta), l’APR scende;
  • Le informazioni sul meccanismo dei premi sono difficili da trovare (il sito web principale di Waves.Exchange non dice quasi nulla al riguardo). Il progetto dovrebbe presentare la moneta in modo chiaro per facilitarne la comprensione da parte degli investitori.

Quando ho letto per la prima volta del tasso di interesse del 13%, ero sospettoso. Dopo aver fatto delle ricerche sulla procedura dello staking, mi sono reso conto che il protocollo funziona. Tuttavia, non tutti gli investitori hanno abbastanza tempo o competenze per effettuare un’analisi di questo tipo. Speriamo che il team pubblichi maggiori informazioni sugli aspetti tecnici di Neutrino USD (USDN) – sia sul sito web che sui media.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.