Jack Dorsey ha lanciato la Crypto Open Patent Alliance
Jack Dorsey ha lanciato la Crypto Open Patent Alliance
Criptovalute

Jack Dorsey ha lanciato la Crypto Open Patent Alliance

By Amelia Tomasicchio - 11 Set 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Jack Dorsey, CEO di Twitter e Square, ha pubblicato un post in cui ha spiegato che tutti i brevetti crypto di Square saranno inseriti in un’organizzazione no-profit chiamata Crypto Open Patent Alliance.

L’alleanza mira a rafforzare l’adozione e il progresso della tecnologia crypto, partendo dalla convinzione che l’accesso aperto ai brevetti delle tecnologie alla base delle crypto sia essenziale per la community, al fine di far crescere, innovare in libertà e sviluppare nuovi e migliori prodotti.

Una descrizione della Crypto Open Patent Alliance di Jack Dorsey

È necessaria una valuta Internet autentica e valida in tutto il mondo. Dovrebbe essere consentito a tutti essere coinvolti nell’economia e avere accesso a strumenti e servizi finanziari. 

Il successo della tecnologia crypto dipende dal fatto che la community collabori e lavori allo sviluppo di nuove tecnologie.

Anche se i brevetti possono essere utili per ragioni legali, l’uso malevolo dei brevetti è una minaccia per la crescita e l’adozione di tecnologie emergenti come le tecnologie crypto. 

Proprio per questo motivo è stata lanciata la Crypto Open Patent Alliance. Questo simboleggia un invito a tutti coloro che si trovano nello spazio crypto ad unirsi all’alleanza per affrontare i problemi del settore.

L’alleanza affronta la questione del blocco dei brevetti attraverso un duplice approccio. Prima di tutto, i membri dell’alleanza, tra cui naturalmente Jack Dorsey, si sono impegnati a non usare i propri brevetti crypto contro nessuno se non per motivi di difesa in sede legale per esempio, rendendo così i brevetti liberamente accessibili a tutti.

Inoltre, l’alleanza creerà anche una raccolta di brevetti condivisa che permetterà ad ogni membro di condividere i propri brevetti crypto per formare un collettivo. 

Questo permetterà a tutti i membri di difendersi da eventuali attacchi. In questo modo, tutti i brevetti sono democratizzati, dando anche alle aziende più piccole la possibilità di proteggersi.

Con l’aumento del numero di membri che vengono accolti e che si impegnano a non usare i loro brevetti contro altri in modo offensivo, la minaccia complessiva delle controversie si riduce in modo significativo.

Il possesso di un brevetto è il miglior deterrente per proteggersi dagli aggressori, anche se non tutte le aziende possiedono o hanno accesso ad essi. 

La raccolta di brevetti condivisi offre questa protezione, che diventa più ampia e più forte con l’arrivo di un maggior numero di membri. Indipendentemente dalle loro dimensioni, che siano o meno proprietari, l’intera comunità ne trarrà beneficio.

Questa organizzazione trasformerà il modo in cui vengono visti e utilizzati i brevetti nello spazio crypto. L’aspettativa è quella di aiutare a contribuire a migliorare l’innovazione e il progresso delle criptovalute invece di agire da ostacoli.

Jack Dorsey punta allo sviluppo e tutti coloro che si trovano all’interno dello spazio crypto sono invitati ad unirsi in modo che la missione sia raggiunta. 

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.