Qual è il modo migliore per regolamentare le crypto?
Qual è il modo migliore per regolamentare le crypto?
Regolamentazione

Qual è il modo migliore per regolamentare le crypto?

By Giorgi Mikhelidze - 13 Set 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Bitcoin è un sistema distribuito che pone un problema al sistema legale per il fatto che sia difficile regolamentare le crypto in maniera concreta, in quanto le valute digitali decentralizzate sono in contraddizione con l’attuale struttura delle linee guida monetarie. 

Questo articolo propone una strategia più dettagliata riguardo alla mediazione amministrativa nei sistemi di criptovalute, che richiede un disegno amministrativo decentralizzato basato sull’attuale quadro normativo e che utilizza gli intermediari attuali e in via di sviluppo. 

Tra le nazioni che autorizzano i mercati monetari digitali, molti impongono delle tasse. Ciononostante, il trattamento di valutazione della retribuzione prodotta da un exchange di criptovalute può fluttuare a seconda della sua classificazione. 

Una transazione di questo tipo in Argentina verrebbe tassata come reddito derivante dalla vendita di titoli e obbligazioni, mentre in Svizzera è una sorta di moneta digitale classificata come denaro non-familiare dal punto di vista fiscale. 

Un gran numero di nazioni che permettono i mercati di criptovalute hanno leggi autorizzate che sovrastano le organizzazioni che si interessano di regolamentazione e sono volte a prevenire la criminalità organizzata, l’evasione fiscale e il finanziamento del terrorismo. 

In Argentina, i bitcoin non sono considerati come moneta a corso legale poiché il denaro nella nazione è emesso solo dalla Banca Centrale e quindi non può essere considerato tale. Anche se i bitcoin non sono esplicitamente regolamentati, vengono sempre più utilizzati. 

La criptovaluta può essere considerata ai sensi del Codice Civile. Le transazioni con i bitcoin potrebbero essere rappresentate dagli standard dell’offerta di merce ai sensi del Codice Civile. Nel 2014, gli specialisti finanziari hanno avvertito le persone che sono legalmente tenute a segnalare transazioni dubbie, tra cui l’evasione fiscale o il finanziamento del terrorismo; e di stare all’erta, soprattutto per quanto riguarda le attività legate alle criptovalute. 

Nel dicembre 2017 una modifica alla legge sulle imposte sul reddito ha stabilito che i benefici derivanti da ICO saranno considerati come pagamento di azioni e titoli e saranno addebitati come tali.

I trader sono entusiasti della realtà che è stata, in larga misura, libera da regolamenti amministrativi. 

Bitcoin è stato straordinario per coloro che aspirano a fare soldi in modo facile e veloce, una parte dei quali ha fatto enormi quantità di denaro nel 2017, visto che il valore della valuta è quasi quadruplicato. Tutto questo ha reso la moneta digitale un’ottima fonte di guadagno per i trasgressori della legge. 

Verso l’inizio di giugno, dei programmatori hanno hackerato una piattaforma crypto sudcoreana – un sistema di contabilità online – e hanno rubato bitcoin, facendo diminuire i prezzi del 10% nel corso di un fine settimana. 

Pertanto, il loro valore è variato in modo incontrollabile.

In realtà, anche senza gli hacker, la moneta digitale ha una reputazione sospetta. I trafficanti di droga su Internet li hanno utilizzati per spostare i loro guadagni senza lasciare traccia. Tutto ciò è diminuito quando le autorità federali hanno bloccato Silk Road e si è capito che Bitcoin non era poi cosi anonimo.

Le criptovalute vantano il fatto che l’intervento del governo è scarso o nullo. Eppure questo non ha impedito ad alcuni Stati e regioni di tentare di fermare i commerci illegali che vanno dalla corruzione al traffico di droga. 

Per esempio, il governo cinese ha limitato l’uso delle criptovalute per il finanziamento di nuove attività commerciali. Negli Stati Uniti, tuttavia, il governo ha evitato le regolamentazioni, poiché non è chiaro cosa siano queste valute digitali e chi potrebbe essere responsabile della loro gestione. 

La discussione sulle regolamentazioni non riguarda solo la sicurezza. Si tratta anche di prendere posizione in quello che gli Stati considerano un settore commerciale in via di sviluppo, con un’aspettativa di sviluppo finanziario molto elevata. 

Le valute digitali e le blockchain sono disponibili da molto tempo, pertanto è necessario che i governi si muovano per regolamentare in modo efficace il settore. Ecco quattro cose che lo Stato può fare per proteggere i clienti e al tempo stesso promuovere la crescita.

Il modo migliore per regolamentare le criptovalute

Chiarire lo stato di dogana 

Le blockchain non funzionano senza token ed i token spesso sono convertiti in fiat (standard monetari sponsorizzati dal governo, come il dollaro USA). 

Questo implica che ci sarà sempre la possibilità di ottenere profitti (in fiat), quindi gli stati devono chiarire la propria posizione. Negli Stati Uniti, la legge sulle spese del 2018 ha spiegato quando si dovrebbero pagare i plusvalori sulle crypto. Un cambiamento significativo negli scambi crypto su crypto. 

Gestire gli scambi 

Praticamente tutti gli scambi poco conosciuti si svolgono tramite banche o cash house: quello che ne farete dopo aver ottenuto cash è la vostra decisione. Dovrebbe essere lo stesso per le piattaforme crypto. Ad eccezione dei broker esperti, tutte le vostre operazioni di trading dovrebbero essere regolamentate. 

Creare un sistema per le ICO

Gli individui stanno investendo risorse nelle ICO a causa della pubblicità e non hanno idea di dove vadano a finire i loro soldi. 

Twitter è stato creato e finanziato con la prevendita di nomi utente. Usando la blockchain, i clienti avrebbero la possibilità di decidere come supervisionare le transazioni. In ogni caso, anche se una ICO può essere di buon auspicio, non avrà successo se non c’è un prodotto, e se il gruppo dietro di essa non è competente. 

Bisogna stabilire regole precise su ciò che è e non è degno. 

Lasciamo che il mercato supervisioni le ICO

Questo ha due vantaggi principali: è un altro piano d’azione per i trader e una questione essenziale di controllo per la diminuzione delle attività illecite. I trader stanno marcando la loro notorietà sulle imprese, quindi saranno stimolati a fare la loro due diligence.

Se un’azienda ha bisogno di fare una ICO, le linea guida dovrebbero garantire che l’ICO soddisfi regole specifiche. In ogni caso, la tecnologia e il team dovrebbero essere sottoposti a valutazione e la fondazione dovrebbe essere controllata. 

Eventualmente far analizzare il whitepaper attraverso qualche software. Dal lato cliente, chiunque abbia bisogno di investire dovrebbe sperimentare le procedure anti-riciclaggio e Know-Your-Customer.

 

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.