banner
Kraken: non è un reato rivelare l’indirizzo dell’exchange
Kraken: non è un reato rivelare l’indirizzo dell’exchange
Criptovalute

Kraken: non è un reato rivelare l’indirizzo dell’exchange

By Giorgi Mikhelidze - 28 Set 2020

Chevron down

Il giudice federale Maxine M. Chesney ha respinto una causa intentata dalla Payward Inc., proprietaria dell’exchange Kraken, contro l’ex dipendente Nathan Peter Runyon per quanto riguarda la divulgazione dell’indirizzo dell’exchange.

Di fatto, Runyon ha rivelato l’indirizzo fisico dell’exchange, ma il tribunale non ha visto alcun segno di violazione del segreto commerciale.

Secondo la sentenza del 22 settembre, il querelante non ha accusato il responsabile di aver utilizzato l’indirizzo a scopo di lucro. 

Inoltre, la società non ha aggiunto alla dichiarazione di rivendicazione la prova che l’accesso di Runyon a uno dei computer sicuri di Kraken “ha causato danni a Payward per un qualsiasi importo”.

Peter Runyon ha rivelato l’indirizzo dell’exchange nel novembre 2019 in un processo in cui ha accusato la direzione del sito di pratiche commerciali illegali e non etiche, nonché la violazione dei termini del contratto di lavoro.

Ha dichiarato di essere stato licenziato per aver criticato il cambiamento unilaterale dei piani di incentivazione dei dipendenti. Ha inoltre affermato di essere stato oggetto di molestie e discriminazioni a causa delle sue disabilità.

In che modo è evoluta la situazione?

Nel marzo 2019, Payward Inc. ha presentato una domanda riconvenzionale contro Runyon. In essa, la società sosteneva che mantenere un indirizzo fisico segreto evita il rischio di minacce fisiche, compreso il rapimento di dipendenti.

Secondo il proprietario di Kraken, con le sue azioni, Runyon ha violato i termini del contratto di lavoro, secondo cui ha ricoperto la posizione di analista finanziario dal marzo 2018 all’agosto 2019.

Il giudice ha sottolineato la possibilità per Payward Inc. di ripresentare entro il 9 ottobre la dichiarazione di rivendicazione, tenendo conto dei commenti.

L’ex analista finanziario dell’exchange Kraken, Nathan Peter Runyon, ha accusato la direzione del sito di pratiche commerciali illegali e non etiche. È convinto che i termini del suo contratto di lavoro siano stati violati.

Un caso in corso

Già nel dicembre 2019 Runyon sosteneva che Kraken forniva servizi ai residenti dei paesi contro i quali gli Stati Uniti avevano imposto sanzioni.

Secondo lui, non c’erano milioni di dollari di fondi dei clienti nei conti bancari dell’exchange, i quali avrebbero dovuto esserci.

Il suo supervisore gli ha anche chiesto di acconsentire all’uso dell’indirizzo di casa di Runyon per le pratiche che la piattaforma presentava alle banche e alle autorità di regolamentazione.

Il querelante ha detto che la società stava cambiando unilateralmente lo schema per premiare i dipendenti con il diritto di acquistare azioni senza preavviso. Per aver criticato tali pratiche, alla fine Runyon è stato licenziato.

Kraken è classificata tra gli exchange più affidabili da Bitwise e dal Blockchain Transparency Institute. Già nel marzo di quell’anno scoppiò un conflitto tra Kraken e The Block. Quest’ultimo accusò il sito di aver falsificato i volumi di scambio, facendo riferimento all’esperienza di un grande trader anonimo.

 

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.