banner
Kenya, la stablecoin è in attesa di approvazione dai regolatori africani
Kenya, la stablecoin è in attesa di approvazione dai regolatori africani
Stable Coin

Kenya, la stablecoin è in attesa di approvazione dai regolatori africani

By Giorgi Mikhelidze - 30 Set 2020

Chevron down

Il Kenya’s Young Entrepreneurs Network (YEN) ha sviluppato una nuova, insolita stablecoin chiamata YENTS che adesso è sotto l’ispezione della locale sandbox regolamentare di Nairobi. 

I membri di YEN prevedono di lanciarla nel novembre 2020 e il loro nuovo token sarà legato allo scellino del Kenya. 

Secondo l’AfricaReport, i giovani imprenditori del Kenya stanno cercando di costruire un campo da golf con l’aiuto della Blockchain e della loro stablecoin, supportata dalla moneta reale. 

Con questa insolita moneta, le persone possono partecipare ad attività sportive o ad allenamenti, ma l’obiettivo principale dell’organizzatore è quello di permettere l’investimento in un campo da golf progettato in Kenya, in quanto le persone possono pagare con la stablecoin YENTS per la partecipazione ad alcune attività sportive. In ogni caso l’iniziativa deve ancora essere approvata dalle autorità di regolamentazione del Kenya. 

Come ha affermato l’amministratore delegato della rete Kamau Nyabwengi, YENTS sarà utilizzato non solo in Kenya, ma anche in altri paesi africani. Egli ritiene che le normative crypto in Africa abbiano ancora bisogno di qualche miglioramento qualora gli investitori vogliano essere consapevoli del pieno potenziale della stablecoin.  Lo sviluppo di normative più severe aiuterà l’economia di Nairobi a capitalizzare i benefici introdotti da questa nuova tecnologia. Infatti, gli esperti ritengono che la stablecoin YENTS abbia il potenziale di normalizzare l’accesso al mercato finanziario.  

Importanza delle normative in tutta l’Africa

Esistono tuttavia molte questioni complesse che solo le normative nazionali possono introdurre per le società finanziarie. Non ha senso usare questa nuova moneta solo in Kenya, perché significa sopprimere tutto il suo potenziale e denigrare il piano iniziale del CEO. 

Per esempio, i broker Forex che seguono le normative del Kenya sono molto limitati nei modelli di business che possono adottare. Una regolamentazione a livello africano in vigore in qualche modo per la finanza tradizionale è molto più accettabile. La soluzione efficace per questo problema sarebbe lo sviluppo di un approccio normativo unificato per l’intero continente africano che viene spesso definito come “pan-African Blockchain strategy”. 

Il raggiungimento di un consenso sugli obiettivi normativi porterà ad un’armonia e ad una congruenza delle regole sulla protezione dei dati. Nyabwengi ritiene che lo sviluppo di questo tipo di norme in tutta l’Africa sia essenziale e che sarà impossibile sfruttare appieno il potenziale della Blockchain senza diffondere le norme in tutto il continente.

Nonostante i numerosi ostacoli che si frappongono all’attuazione di questo accordo intraregionale, il Financial Times sembra sperare nell’istituzionalizzazione internazionale della strategia blockchain e ritiene che l’Africa farà un grande passo avanti e supererà i problemi economici relativi al commercio su scala continentale. 

La stessa cosa può accadere alle criptovalute. La recente ricerca di Chainalysis mostra che c’è una crescente tendenza all’adozione delle criptovalute in tutto il mondo e che il Kenya è al quinto posto nel mondo, seguito dagli Stati Uniti, il che è una sorpresa. In generale, lo studio ha scoperto che l’attività crypto è veramente globale, e i Paesi in via di sviluppo hanno livelli più alti di attività, dove le piattaforme P2P sono essenziali per l’adozione. 

Tuttavia, alcuni esperti ritengono che le severe normative sopprimano l’innovazione all’interno del settore crypto in Africa ed è del tutto possibile che i sistemi le criptovalute si trovino ad affrontare lo stesso problema della stablecoin del Kenya. 

Conclusione

In sintesi, il progetto Young Entrepreneurs è stato un grande passo avanti, e la creazione di una valuta digitale stabile, sostenuta dallo scellino del Kenya o dal dollaro americano, è stata essenziale per implementare le innovazioni nel mercato economico del Kenya. Tuttavia, l’Africa ha davvero bisogno di un approccio più coordinato alla regolamentazione della blockchain.

Questo piano attuale è ancora in attesa di approvazione da parte delle autorità di regolamentazione africane e, come dice l’amministratore delegato Nyabwengi, i regolamenti devono essere migliorati per implementare pienamente questa nuova moneta per i servizi finanziari e sfruttare appieno il suo potenziale. Esistono però ancora molti dettagli essenziali che devono essere definiti. 

 

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.