banner
Bitcoin, la volatilità crolla ai minimi storici
Bitcoin, la volatilità crolla ai minimi storici
Trading

Bitcoin, la volatilità crolla ai minimi storici

By Federico Izzi - 6 Ott 2020

Chevron down

Giornata in equilibrio, con un perfetto bilanciamento tra segni positivi e negativi, segnata dal crollo della volatilità di Bitcoin, ai minimi storici assoluti. 

coin360 20201006
Fonte: COIN360.com

Scorrendo la lista delle prime 20 criptovalute, il miglior rialzo è quello di Monero (XMR), che sale di oltre il 7%. La privacy coin continua a dare segni di pimpante rialzo, portandosi dietro le altre due privacy coin. ZCash (ZEC) sale del 7%, segue a distanza Dash, +2%, influenzata dagli attacchi incrociati di uno studio che ha rivelato che il protocollo non garantisca il totale anonimato. Questi rialzi mettono sul podio proprio Monero e ZCash, migliori due di giornata. 

XRP 20201006

A distanza si fa vedere Ripple (XRP), che continua a dare segnali positivi con una salita del 3%. I prezzi di XRP si riportano poco sotti. 26 centesimi di dollaro. Si tratta del picco più alto dal 4 di settembre.

Le giornate continuano a registrare volumi decisamente bassi e in contrazione. Ieri gli scambi in controvalore su Bitcoin sono tornati nuovamente sopra 1 miliardo di dollari. Quelli su Ethereum rimangono sotto i 500 milioni di dollari per il terzo giorno consecutivo. 

I volumi totali delle ultime 24 ore sono poco sopra gli 80 miliardi di dollari, oltre il 70% in meno dai picchi registrati esattamente un mese fa. 

Volatilità di Bitcoin ai minimi storici

Ciò evidenzia un’attesa da parte degli operatori, che continua a costringere le oscillazioni dei prezzi. È un quadro che su Bitcoin fa crollare la volatilità giornaliera su base mensile ai minimi storici assoluti. 

Oggi infatti l’indice di volatilità registra un valore di 0,61%, minimo storico assoluto, sotto i precedenti record di 0,80% registrato a gennaio 2013 e ad aprile ed ottobre 2016. 

La volatilità scende sotto questi precedenti minimi, segnando un nuovo record storico di indice di volatilità giornaliera su base mensile per Bitcoin. 

DeFiPulse 20201006

DeFi, record per i WBTC

La DeFi, nonostante le basse oscillazioni degli ultimi giorni, rimane ancora poco sotto gli 11 miliardi di dollari, sotto i picchi registrati la scorsa settimana, alla fine di settembre quando l’indice TVL si è spinto per la prima volta a 11,2 miliardi di dollari.

Continua a salire il numero di Bitcoin tokenizzati su protocollo ERC20, che tocca i 141.000 BTC, record storico assoluto. Leader del settore si conferma WBTC, che sale in 5° posizione e mantiene un totale immobilizzato oltre un miliardo in controvalore in dollari.

Le prime tre in classifica sono:

  • Uniswap, 2,4 miliardi di dollari
  • Maker, 1,8 miliardi di dollari
  • Aave, 1,2 miliardi di dollari

La capitalizzazione di mercato resta come ieri poco sopra i 342 miliardi di dollari. La dominance del Bitcoin si riporta sopra il 58%, mentre cala lievemente Ethereum, all’11,3%. XRP resta sopra il 3,3%.

BTC 20201006
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC)

I movimenti del Bitcoin restano ristretti, con prezzi sotto la soglia degli 11.000 dollari, resistenza più psicologica che negli ultimi 10 giorni ha respinto i tentativi di rialzo. La resistenza tecnica rimane a 11.200 dollari, primo livello più elevato da parte delle coperture in opzioni per gli operatori in derivati.

Gli operatori in opzioni nelle ultime 24 ore devono diminuire la forza di coperture da parte delle Call, un possibile cambio di analisi per i prossimi giorni con gli operatori che iniziano a vedere possibilità di prossimi rialzi. Infatti aumentano le coperture delle Put, al ribasso, e questo indica la possibilità di un cambio di trend nei prossimi giorni.

ETH 20201006
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

I prezzi di Ethereum sono ancora più stretti nella morsa delle oscillazioni che vedono nelle ultime 24 ore differenze entro i 5 dollari, tra 359 e 355 dollari. Questo indica anche per Ethereum un’attesa da parte degli operatori di rotture al rialzo o al ribasso per iniziare a prendere posizioni.

Una rottura che con il passare del tempo, come succede spesso in questi giorni, potrebbe provocare un forte movimento direzionale al rialzo, con una spinta sopra i 370 dollari o al ribasso sotto i 315-320 dollari. Sono questi i livelli di Ethereum da seguire con attenzione.

 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.