banner
Berlino, chiude il bar che accettava Bitcoin dal 2011
Berlino, chiude il bar che accettava Bitcoin dal 2011
Bitcoin

Berlino, chiude il bar che accettava Bitcoin dal 2011

By Giorgi Mikhelidze - 19 Ott 2020

Chevron down

Il pagamento in bitcoin non è più una novità: diversi negozi online, così come negozi, bar e ristoranti stanno incorporando la più grande criptovaluta del mondo come mezzo di pagamento, e sembrano trarne notevoli benefici. A Berlino esisteva un bar che accettava Bitcoin dal 2011. 

Ciò non è più un fatto sorprendente e con l’evoluzione della tecnologia e il passare del tempo vedremo più iniziative di questo tipo nel momento in cui le aziende saranno ansiose di incorporare le crypto come metodo di pagamento primario. Esse garantiscono l’anonimato delle transazioni e non sono soggette alla sorveglianza del governo.

Una tale iniziativa e un’enorme novità era il bar di Berlino chiamato Room 77 che purtroppo è stato chiuso. L’imprenditore Jörg Platzer ha chiuso il bar Room 77, i cui clienti potevano pagare l’ordine con bitcoin. Ne scrisse su Reddit.

Secondo il proprietario, il primo pagamento crypto nel Room 77 è stato accettato nel 2011. In seguito al bar nella zona di Kreuzberg, i membri della community di Bitcoin si sono mostrati interessati. Lo sviluppatore del Bitcoin Core Eric Lombroso ha dichiarato che il soggiorno a Berlino non è mai stato completo senza una visita al Room 77.

“Questo posto rimarrà per sempre parte della storia di Bitcoin”, ha scritto.

Platzer non ha indicato il motivo della chiusura del bar. Ringrazia i clienti per la mancia e sottolinea che “Bitcoin non si fermerà più”.

Room 77 a Berlino, il bitcoin bar

I clienti abituali del Room 77 associano la decisione del proprietario del locale alle restrizioni dovute al coronavirus. Secondo Lombroso, il problema non è solo legato a COVID-19. Il bar è stato il posto in cui usare la prima criptovaluta, che, secondo lo sviluppatore, è “troppo pericolosa”.

L’ex lead developer di Monero e co-fondatore di Tari, Riccardo “fluffypony” Spagni, sostiene che molti “hanno comprato i loro primi Monero” presso il Room 77.

In precedenza, le autorità di regolamentazione finanziaria tedesche hanno riconosciuto gli asset digitali come strumenti finanziari. La ragione di questa classificazione è stata la parziale coincidenza della definizione di criptovaluta in diverse organizzazioni, tra cui il Financial Action Group contro il riciclaggio di denaro.

La Germania e lo status giuridico delle crypto

Sebbene possa essere difficile esplorare le possibili ragioni dietro la chiusura di questo famosissimo bar, sarebbe opportuno dire qualche parola sullo status giuridico delle crypto in Germania. 

L’autorità federale tedesca di vigilanza finanziaria (BaFin) ha catalogato gli asset digitali come strumenti finanziari. Questa decisione è stata presa e approvata nel 2020 e molte persone sono rimaste soddisfatte da tale notizia.

Secondo l’autorità di vigilanza finanziaria, le valute virtuali rappresentano un valore digitale che non è stato emesso o garantito da nessuna banca centrale o agenzia governativa e che non è necessariamente legato a una valuta definita dalla legge e che non ha uno status legale di valuta o denaro, ma che viene accettato da individui o entità come mezzo di scambio e può essere trasferito, custodito e scambiato elettronicamente.

Il regolatore ha spiegato che diverse organizzazioni, tra cui il Gruppo di Azione Finanziaria contro il Riciclaggio di Denaro (GAFI), hanno in parte la stessa definizione di criptovaluta. Ciò è servito come base per la classificazione degli asset digitali come strumento finanziario.

BaFin ha osservato che in precedenza le criptovalute non rientravano in nessuna delle sue classificazioni.

A gennaio l’autorità di regolamentazione ha rafforzato le norme in materia di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo, in accordo con la direttiva UE 5AMLD. BaFin ha obbligato le società che offrono servizi di criptovalute ad ottenere le licenze per le loro attività. Viene inoltre osservato che le autorità di regolamentazione non intendono punire le organizzazioni che già offrono tali servizi. Queste aziende devono solo indicare la loro intenzione di ottenere una licenza entro il 31 marzo e presentare la domanda entro il 30 novembre.

In precedenza, il governo tedesco ha approvato una legge che consente alle banche di acquistare e vendere criptovalute. Più di 40 istituti finanziari hanno già espresso interesse ad ottenere l’approvazione di BaFin per la fornitura di servizi di custodia degli asset digitali.

 

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.