banner
Le birre Budweiser e Corona ora sgorgano dalla “blockchain”
Le birre Budweiser e Corona ora sgorgano dalla “blockchain”
Blockchain

Le birre Budweiser e Corona ora sgorgano dalla “blockchain”

By Alfredo de Candia - 27 Ott 2020

Chevron down

Presto l’azienda AB InBev lancerà un progetto per tracciare la birra su blockchain, o meglio su una DLT. In questo modo permetterà al consumatore di vedere tutta la supply chain degli elementi principali che compongono questa bevanda alcolica.

In questo caso verrà tracciato l’orzo. Indispensabile per la lavorazione della birra, il progetto coinvolgerà specialmente le fattorie, che quindi utilizzeranno degli strumenti innovativi per tracciare il loro raccolto. A seguire poi verrà anche tracciata la loro destinazione fino all’impianto in cui l’orzo verrà lavorato.

Il progetto pilota coinvolgerà più paesi come Francia, Germania e Regno Unito, e nella sua forma finale permetterà alla birra di avere un codice QR univoco che sarà applicato direttamente sulla bottiglia, così l’utente potrà controllare tutta la relativa filiera.

La prima birra che avrà questo codice QR sarà la Leffe. Il progetto sarà lanciato in Francia l’anno prossimo, coinvolgendo poi anche Antwerp in Belgio e la birreria Stella Artois e Corona a Leuven.

La trasparenza delle birre su blockchain 

Il progetto di AB InBev per la prima volta in Europa permetterà di rendere trasparente tutta la supply chain della birra per il consumatore finale. Ha spiegato il CIO di AB InBev, Pieter Bruyland:

“Si tratta di un progetto che, per la prima volta nelle nostre operazioni europee, creerà una rete di fornitura indiretta e completamente trasparente fino al consumatore finale. Collegando gli operatori di tutta la filiera della birra – dagli agricoltori, alle cooperative di malto, ai birrifici, ai magazzini e ai trasportatori – a una piattaforma sicura e decentralizzata, possiamo aumentare la tracciabilità e raccogliere dati che ci aiuteranno a continuare a coltivare in modo sostenibile gli ingredienti migliori per le nostre birre”.

DLT e non vera Blockchain

Purtroppo però ancora una volta si tratta non di una vera e propria blockchain permissionless ma di una DLT e per la precisione quella di SettleMint.

Si tratta quindi di un ledger centralizzato e quindi passibile di censura.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.