banner
Il prezzo di ETH si avvicina ai 500 dollari e al lancio di Ethereum 2.0
Il prezzo di ETH si avvicina ai 500 dollari e al lancio di Ethereum 2.0
Ethereum

Il prezzo di ETH si avvicina ai 500 dollari e al lancio di Ethereum 2.0

By R.L. Bryer - 14 Nov 2020

Chevron down

Gli sviluppatori e gli appassionati di Ethereum sperano che il prezzo di ETH sia pronto a chiudere il 2020 con lo stesso risultato registrato durante tutto l’anno. Dal 2015, Ethereum è diventato effettivamente un precedente per i progetti finanziati dal pubblico e negli ultimi anni è diventato un trampolino di lancio per gran parte dei protocolli della finanza decentralizzata (DeFi).  

Analisi del prezzo di ETH

Al secondo posto tra le criptovalute per capitalizzazione di mercato, il prezzo di ETH è salito del 146,7% quest’anno, +17,8% negli ultimi 30 giorni e +13,5% negli ultimi 7 giorni. Ethereum è in calo del 68,3% rispetto al massimo storico di 1.448 dollari del 13 gennaio 2018.

Al momento della scrittura, Il minimo delle 24 ore è di 453,03 dollari e il massimo è di 472,48 dollari. Nonostante i già grandi rendimenti nel 2020, si può affermare che da quasi due mesi ETH sta registrando prezzi più alti; tra l’altro, il superamento dei 500 dollari risulta facilmente raggiungibile, fermato in precedenza solo da brevi ritiri causati dalla dominanza di Bitcoin sulle altcoin e dal più ampio mercato crypto durante le fasi di espansione.

Con Bitcoin che oggi supera i 16.000 dollari e chiude la giornata con la tredicesima candela più alta della storia [16.320 dollari], la stragrande maggioranza del mercato delle altcoin ha fatto di nuovo un passo indietro. Tuttavia, grazie alla maggiore fiducia degli investitori istituzionali in Bitcoin ed Ethereum, ci sono molte aspettative sul futuro potenzialmente roseo di Ethereum.

Il boom dei protocolli della finanza decentralizzata (DeFi) nel 2020, costruiti su ETH, è stato il più grande fattore che ha contribuito ai massimi livelli di utilizzo della rete di quest’anno.

Fonte: https://etherscan.io/chart/networkutilization

ETH 2.0. è in arrivo

La mania della crypto bull run del 2017 ha rapidamente generato preoccupazioni sulla rete di ETH, essendo eccessivamente congestionata durante i picchi di attività della rete. Da queste preoccupazioni è scaturita una tabella di marcia verso Ethereum 2.0, che è la prossima soluzione ai problemi di scalabilità di ETH che si avvia verso un nuovo decennio. Se gli sviluppatori di Ethereum otterranno il risultato che desiderano, ETH potrà continuare a contribuire allo sviluppo del web 3.0 e alla quarta rivoluzione industriale. 

L’introduzione dello sharding e di altri progressi in materia di scalabilità sono caratteristiche che consentono di aumentare la produttività delle transazioni di ETH 2.0 e sono sulla roadmap. Non si sa ancora se ETH 2.0 avrà successo o meno, ma il futuro utilizzo e la popolarità della rete dipendono da una catena altamente scalabile con robusti avanzamenti.

La fase 0 di Ethereum 2.0 è prevista per il 1° dicembre 2020 e rappresenta un enorme upgrade della rete. Ethereum 2.0 verrà lanciata inizialmente come rete separata e integrerà ETH passando da una catena Proof-of-Work (PoW) a una catena Proof-of-Stake (PoS) in modo incrementale attraverso una dettagliata tabella di marcia della rete.

Proprio questa settimana ETH ha finalmente raggiunto il 10% della soglia necessaria per iniziare il lancio della versione 2.0. Le cifre per la soglia sono di 60.928 ETH con l’attuale contratto, pari all’11,6% del percorso verso la soglia. Attualmente si tratta di 28.140.815 dollari su una quota di 230 milioni di dollari necessari per iniziare il lancio.

Nonostante il grande successo ottenuto da ETH nei primi cinque anni, a poche settimane dal lancio previsto che è ben al di sotto della soglia, si potrebbe pensare che il mercato sia diviso sul potenziale di scalabilità di ETH 2.0 o sulla roadmap.

La preoccupazione per gli operatori del settore potrebbe essere quella dello staking del requisito minimo di 32 ETH, con la rete che non è in grado di scalare correttamente. Gli staker di Ethereum devono fare staking dei loro ETH durante l’intera fase 1 fino al completamento della fase 2. La durata di queste due fasi non è fissa. Data la natura dei mercati, tra una fase e l’altra esiste la possibilità che ETH scenda di prezzo. Pertanto, è giustificato il timore di essere intrappolati con gli ETH messi in staking durante una fase discendente, poiché il completamento della fase 2 è a discrezione degli sviluppatori di Ethereum. 

Sarà interessante vedere come gli appassionati di ETH valuteranno i pro e i contro dello staking dei loro ETH e dell’aiuto fornito alla rete nelle prossime settimane per tentare l’impresa. Ethereum, una dei progetti più longevi dello spazio, è la piattaforma di smart contract programmabili più apprezzata dell’industria blockchain e si sta avvicinando a un momento cruciale.

 

R.L. Bryer
R.L. Bryer

R.L. è nel settore crypto dal 2009. E' autore di "Blockchain: Project Renaissance",

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.