banner
Bitcoin supera i 20000 dollari: è record
Bitcoin supera i 20000 dollari: è record
Trading

Bitcoin supera i 20000 dollari: è record

By Federico Izzi - 16 Dic 2020

Chevron down

Bitcoin ha superato i 20000 dollari. Dopo una prima parte della giornata dove prevaleva una relativa incertezza con le prime 100 criptovalute che si dividevano in 50% positivo e 50% sotto la parità, gli unici segnali positivi arrivavano proprio dal Bitcoin che riusciva a violare la soglia dei 19.500 dollari dopo i vari tentativi dei giorni scorsi che avevano respinto il superamento di questo livello e con un prezzo che poi si dirigeva ai 19.800 andando all’attacco dei record dei 19.950 dollari stabilito il 1 dicembre. La rottura dei 19.955 dollari è avvenuta alla 14.45. 

È una rottura che ha innescato una corsa di ricoperture di posizioni dei temerari rimasti impostati al ribasso e che avevano inserito le chiusure di ufficio automatiche anche sopra la soglia psicologica dei 20.000 dollari che ha fatto poi correre nei minuti successivi sino a sfiorare i 20.800 dollari. 

coin360 20201216
Fonte: COIN360.com

Il rialzo del Bitcoin come accade di solito si porta dietro tutto il resto del settore, con l’80% sopra la parità. 

Bitcoin è tra le migliori di giornata con una spinta del 6%. Segue Ethereum con +5%. Ethereum, dopo una indecisione in mattinata, ha rotto la soglia dei 600 dollari in concomitanza con il record storico di Bitcoin a 20.800 dollari, andando a testare i 630 dollari, ad un passo dal precedente record degli ultimi due anni e mezzo a 635 dollari. 

XRP 20201216

Ne beneficia anche Ripple che è andata a rompere nella prima parte della giornata il supporto dei 44 centesimi, il livello più basso dal 23 novembre, con un movimento ribassista che dai top del 24 novembre (0,78 dollari) registra un movimento ribassista di oltre il 43%. Il contesto generale positivo riporta il prezzo di Ripple sopra i 52 centesimi di dollari, svoltando la giornata che la vedeva in netto territorio negativo con perdite del 5%. Con il rialzo di queste ore Ripple si riporta a +4%.

Tra le big 20 gli unici due segni negativi sono Monero (XMR) che oscilla attorno alla parità e NEM (XEM) che oscilla intorno al -1%

La migliore di giornata tra le big è Bitcoin +6%, ma allargando l’analisi alle prime 100 spicca UMA, +23%, seguita da Bancor (BNT) che sfiora il +20%. Bancor in tre giorni ha raddoppiato quasi il suo prezzo.

Crypto market cap e DeFi record

Il rialzo in alto ha portato il market cap delle crypto a segnare nuovi record di capitalizzazione totale del 2020 oltre i 594 miliardi di dollari. È il picco più alto che non si registrava dal 15 gennaio 2018. 

Il rialzo consolida la dominance del Bitcoin oltre il 64% mentre invece Ethereum mantiene i livelli del mese a 11,9%. Il tracollo di questi ultimi giorni di Ripple riporta la quota di mercato sotto il 4%, livello più basso dell’ultimo mese.

DeFiPulse 20201216

La DeFi beneficia di questo forte movimento rialzista di Ethereum e Bitcoin. Il TVL si spinge oltre i 15,3 miliardi di dollari, record storico assoluto anche per la DeFi.

Maker mantiene la sua leadership con circa 2,7 miliardi, seguita da WBTC. In terza posizione Compound che scavalca Aave con cui è in corso un testa a testa. 

BTC 20201216
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC) a 20000 dollari, stavolta è record 

La rottura del precedente record dei 19.595 dollari proietta i prezzi in un rally intraday che mette a segno in movimento con un balzo di oltre il 3% in un’ora. È un balzo che se dovesse proseguire e consolidare oltre i 20.000 dollari segnerebbe la prima giornata storica del Bitcoin con la chiusura oltre i 20.000 per la prima volta nella sua storia. Per Bitcoin è necessario consolidare la rottura entro la fine della giornata. 

Questa rottura scaccia le nubi ribassiste che nel corso del fine settimana avevano riportato Bitcoin a testare i 17.500 dollari, con un timore di un possibile movimento verso il basso nella fase più delicata dell’anno, come sempre accade a dicembre.

Questa volta sembra che appunto la metà di dicembre rimanga comunque una data importante per Bitcoin. Gli ultimi due anni sono state date cruciali al ribasso mentre il 17 dicembre 2017 aveva segnato il record storico durato tre anni. Nel 2018 e 2019 Bitcoin aveva segnato due record al ribasso molto importanti. Il 2020 prosegue la tradizione che vede la metà di dicembre movimento importante nel bene e nel male.

Bisognerà attendere la chiusura di giornata per capire se Bitcoin per la prima volta chiuderà sopra i 20.000 dollari. È importante anche attendere l’evoluzione della giornata di domani per capire se ci sarà la conferma della rottura della soglia psicologica a 20000 dollari. Al momento le nubi ribassiste sono diradate e tornerebbero solo con il ritorno dei prezzi a 19.500 dollari, soglia che nei giorni precedenti aveva respinto ogni volta ogni possibilità di attacco rialzista. È una rottura che è avvenuta anche con volumi molto importanti che sinora in 3/4 di giornata superano i volumi registrati nell’ultima settimana e che preannuncia nuovi record per gli scambi su Bitcoin. 

Questo accade perché la rottura del nuovo massimo storico è un segnale importante che solitamente attira anche molta speculazione e molti movimenti anche per quanto riguarda i movimenti intraday.

Il rialzo di oggi che spinge al nuovo record spazza via anche tutte le discussioni che per tre anni ha visto indecisioni nello stabilire se Bitcoin avesse più o meno superato i record dei 20.000 dollari il 17 dicembre 2017. Quel prezzo infatti fu stabilito sul CME e su alcuni mercati spot, mentre per alcuni exchange come Bitfinex e Bitstamp, per poche decine di dollari Bitcoin rimase a 19.900 dollari. Questa indecisioni sulla rottura dei 20000 dollari è spazzata via dal movimento di oggi, mettendo fine ad una discussione che dura da tre anni.

ETH 20201216
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Dopo il tentennamento della prima parte della giornata con la difficoltà a rompere la soglia dei 600 dollari, il record del Bitcoin si è trascinato dietro tutto il settore. Anche Ethereum è ad un passo dal record del primo dicembre a 636 dollari. Per Ethereum la struttura continua a consolidare nel medio e breve periodo.

L’unico segnale di preoccupazione arriverebbe solamente con una svolta importante sotto i 550 dollari, che coincidono con i livelli visti l’ultima volta una settimana fa.

È necessario per ETH attendere le evoluzioni della giornata di domani per capire se c’è benzina per stabilire il record degli ultimi due anni e mezzo oltre i 636 dollari 

 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.