banner
Ripple: $690.000 spesi per il lobbying nel 2020
Ripple: $690.000 spesi per il lobbying nel 2020
Blockchain

Ripple: $690.000 spesi per il lobbying nel 2020

By Thuy Dung - 27 Gen 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Ripple Labs ha speso $690.000 per il lobbying negli Stati Uniti nel 2020, tuttavia non sono riusciti a salvare l’azienda da una procedura legale da parte della Securities and Exchange Commission (SEC).

Secondo le rivelazioni sulle attività di lobbying, il programma di lobbying di Ripple ha sorpassato le altre aziende del settore delle criptovalute nel 2020. 

Nel frattempo gli exchange di criptovalute come Binance US, Gemini e Kraken non hanno riportato alcuna spesa di questo tipo. Uno dei più grandi exchange del mondo con più di 13,3 milioni di utenti, Coinbase, ha speso $230.000 in attività di lobbying nello stesso periodo. 

All’inizio del 2020, Ripple ha interrotto il suo team interno di lobbying per spostare i contratti a studi legali professionali. Le attività che Ripple sponsorizza sono principalmente rivolte alle leggi davanti al Congresso come il Token Taxonomy Act e il Digital Commodity Exchange Act. 

Questo approccio è abbastanza simile alle grandi tecnologie come Uber e Grab. Queste piattaforme di ride-hailing lavorano sul concetto di andare avanti per guadagnare quote di mercato, agendo tramite le attività di lobbying. Se si attende che la legislazione sia del tutto completa, diventa troppo tardi per competere o troppo costoso per riconquistare quote di mercato. Soprattutto la zona grigia con leggi indistinte.

Le attività di lobbying di Ripple non hanno fermato la SEC

Nonostante ciò, Ripple non sta evitando il controllo della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti. Il 22 dicembre 2020, la SEC ha presentato una denuncia contro Ripple Labs, Inc. e due dei suoi dirigenti, Brad Garlinghouse e Chris Larsen, nella Corte distrettuale meridionale degli Stati Uniti di New York. La SEC ha accusato Ripple Labs, la società che gestisce la criptovaluta XRP, di aver violato i regolamenti sui beni digitali. 

Nella sua denuncia, la Commissione ha sottolineato un semplice modello di vendita di XRP che non è mai stato registrato presso la SEC o sotto qualsiasi deroga di registrazione. Dal punto di vista della Commissione, questo ha portato ad una continua attività sostenuta di vendite illegali di titoli non registrati e non esenti sotto la Sezione 5 del Securities Act del 1933. 

Ora, dopo 7 anni da quando XRP e Ripple Labs sono stati creati, la SEC sostiene che gli individui accusati nella causa così come Ripple Labs hanno ricevuto molti avvertimenti per non continuare il percorso intrapreso, ma sono stati ignorati.

La SEC ha preso provvedimenti contro molti progetti ICO negli ultimi anni, ma Ripple è il caso più grande in assoluto. Dopo che la SEC ha i presentato una causa contro Ripple per la vendita di token come security non registrate per un valore di 1,3 miliardi di dollari, molti dei principali exchange hanno iniziato a rimuovere XRP, e questo trend è destinato a continuare. Tuttavia, indipendentemente da come questo caso sarà risolto in tribunale, esso ha già causato un danno molto significativo all’azienda e al prezzo del token XRP. 

Ripple è sempre stato in uno stato di controversia all’interno del settore. Essendo uno dei progetti più vecchi, ha catturato l’intenzione di molti investitori al dettaglio molto presto. Attraverso i vantaggi di quella vendita retail, il progetto una volta deteneva il terzo posto per capitalizzazione di mercato su CoinMarketCap. Ma molti analisti di criptovalute dubitano del suo futuro da molto tempo. 

Da una parte c’è Ripple Labs, che è una azienda in crescita con un gran numero di clienti istituzionali. D’altra parte, il token XRP ha poco a che fare con ciò che questa azienda sta facendo. In relazione all’amministrazione di Biden annunciata il 17 gennaio 2021, l’intenzione di nominare Gary Gensler come presidente della SEC, può presentare dei vantaggi per Ripple, considerando il supporto del CEO alla campagna di Joe Biden. In ogni caso, il rischio è ancora molto alto.

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.