banner
Mastercard: in arrivo i pagamenti in criptovalute
Mastercard: in arrivo i pagamenti in criptovalute
Criptovalute

Mastercard: in arrivo i pagamenti in criptovalute

By Marco Cavicchioli - 11 Feb 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Sembra che Mastercard sia intenzionata ad attivare i pagamenti in criptovalute. 

Questo è ciò che emerge da un’indiscrezione proveniente da “una fonte che ha familiarità con la questione”, secondo cui la società starebbe pianificando di consentire ai merchant della propria rete di ricevere pagamenti in criptovaluta già entro la fine dell’anno.

In altre parole, se da un lato Visa e Paypal vogliono consentire a chi ha criptovalute di effettuare pagamenti in valuta fiat con conversione istantanea, Mastercard invece sembrerebbe intenzionata a consentire anche gli incassi direttamente in criptovaluta

Infatti il CEO Michael Miebach vorrebbe integrare i pagamenti in valuta digitale direttamente all’interno della loro rete, ovvero gestendoli direttamente con i loro strumenti, e non tramite partner.

Attualmente Mastercard ha tra i suoi partner crypto Wirex e Uphold, ma in questi casi i pagamenti in criptovalute avvengono di fatto con l’incasso in valuta fiat grazie alla conversione instantanea. 

Invece il nuovo progetto a quanto pare consentirebbe ai negozianti, volendo, di incassare anche proprio le criptovalute, senza conversione in fiat. 

La società oltretutto afferma di detenere già ben 89 brevetti blockchain, e di stare aspettando l’approvazione di altri 285 in tutto il mondo. Il primo di questi brevetti depositati da Mastercard risalirebbe addirittura al 2013. 

Pagamenti in criptovalute, da Mastercard ad Apple

Ormai praticamente tutti i principali attori del mercato dei pagamenti stanno iniziando ad integrare in un modo o nell’altro le criptovalute all’interno dei loro sistemi. 

Oltre a PayPal, che lo ha già fatto, e Visa, che lo sta facendo, non bisogna dimenticarsi Samsung, che fu una delle prime a farlo, e detiene un servizio di pagamento molto utilizzato soprattutto in Asia (Samsung Pay). 

A questo punto gli unici due colossi che sembrano ancora non aver deciso di fare il grande passo sono Apple e Google

Tuttavia a questo punto è molto difficile immaginare che Apple Pay e Google Pay decidano di starne fuori. 

Oltretutto in passato Google ha già stretto alcune partnership con alcune società crypto, pertanto sembra piuttosto scontato che almeno Google Pay prima o poi integri i pagamenti in criptovalute. 

Invece per quanto riguarda Apple il discorso sembra leggermente più complicato, sebbene circolino già voci di un suo interessamento perlomeno nei confronti di bitcoin

Ormai le criptovalute sono a tutti gli effetti entrate nel mainstream, guidate ovviamente da Bitcoin, ed a questo punto è impensabile che ne possano uscire. Semplicemente alcuni operatori le accettano già, altri le accetteranno a breve, ed altri ancora aspetteranno un po’ di più.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.