banner
Arthur Hayes (ex BitMEX) pronto a tornare negli Stati Uniti
Arthur Hayes (ex BitMEX) pronto a tornare negli Stati Uniti
Criptovalute

Arthur Hayes (ex BitMEX) pronto a tornare negli Stati Uniti

By Eleonora Spagnolo - 4 Mar 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Arthur Hayes, ex CEO di BitMEX potrebbe presto rientrare negli Stati Uniti per farsi processare.

È quel che riporta The Block, riportando la trascrizione di una udienza sul tema, e che emergerebbe vedendo alcuni stralci pubblicati su Twitter da Pavel Pogodin, procuratore che rappresenta le parti civili.

Arthur Hayes e le accuse s BitMEX

L’ex CEO dell’exchange aveva lasciato il suo incarico ad ottobre 2020 a seguito di una denuncia da parte della CFTC e dell’FBI. L’accusa è quella di aver:

“violato il Bank Secrecy Act e cospirato per violare il Bank Secrecy Act, omettendo intenzionalmente di stabilire, implementare e mantenere un adeguato programma antiriciclaggio (“AML”) al Bitcoin Mercantile Exchange o BitMEX”.  

Aveva spiegato all’epoca il Procuratore Audrey Strauss: 

“Hanno presumibilmente permesso a BitMEX di operare come una piattaforma nell’ombra dei mercati finanziari.  L’incriminazione di oggi è un’altra spinta di questo ufficio e dei nostri partner dell’FBI a portare le piattaforme per il riciclaggio di denaro alla luce”.

A stretto giro, Arthur Heyes si dimise da BitMEX. Le accuse che arrivano dalle autorità degli Stati Uniti e che colpiscono non solo lui ma anche Samuel Reed, Benjamin Delo e Gregory Dwyer infatti sono molto gravi e implicano anche il carcere. Tuttavia all’epoca solo Reed fu arrestato, mentre Hayes, Deki e Dwyer si resero latitanti.

Da quel che emerge dalle ultime carte, Hayes starebbe negoziando la sua resa e avrebbe accettato di comparire davanti alle autorità degli Stati Uniti in collegamento dalle Hawaii il prossimo 6 aprile. Attualmente si troverebbe a Singapore. Sarebbero in corso le procedure per ottenere i documenti necessari per consentire il viaggio. 

Anche Ben Delo starebbe trattando la sua consegna alle autorità e potrebbe apparire direttamente davanti al tribunale di New York.

Al contrario, Gregory Dwyer sarebbe nelle Bermuda e non vorrebbe consegnarsi spontaneamente alle autorità, e per questo dalle carte emerge che per lui sarebbe stato avviato il processo di estradizione. 

Sembra proprio che la vicenda dovrà chiudersi con un pronunciamento del tribunale. Nel frattempo BitMEX ha rinnovato i suoi vertici. 

Il nuovo CEO è Alexander Höptner, che guida anche 100xGroup, a sua volta proprietaria di BitMEX. La sua nomina è stata annunciata il 1 dicembre 2020. Il nuovo CEO viene direttamente da Börse Stuttgart. A lui il compito di voltare pagina rispetto al passato.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.