banner
Stati Uniti: gli aiuti economici investiti in criptovalute
Stati Uniti: gli aiuti economici investiti in criptovalute
Bitcoin

Stati Uniti: gli aiuti economici investiti in criptovalute

By Eleonora Spagnolo - 18 Mar 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Il 15% dei cittadini degli Stati Uniti che ha ricevuto aiuti economici, li ha investiti tutti o in parte, in criptovalute, e nello specifico in Bitcoin ed Ethereum. È quel che ha scoperto una ricerca di The Harris Poll per conto di Yahoo Finance. 

Nello specifico, il sondaggio riporta come è stata spesa la prima ondata di stimoli emessa a marzo 2020. Ebbene, il 15% dei cittadini ha investito questi fondi ricevuti, e il 7% li ha destinati alle criptovalute. Stessa percentuale per quanto riguarda la seconda ondata di stimoli. 

Ciò che la ricerca dimostra, è che chi ha ricevuto aiuti economici non si è limitato a spenderli per necessità, ad esempio per comprare beni alimentari o pagare l’affitto. Alcuni hanno potuto mettere questi soldi da parte, o ancora hanno persino potuto investirli.

C’è una discriminante tuttavia che è rappresentata dal reddito di partenza. Nota l’analisi che solo il 3% di coloro appartenenti a famiglie che guadagnavano meno di 50.000 dollari l’anno ha investito gli aiuti economici della prima tranche in criptovalute. Il 10% invece vantava già redditi da 100.000 dollari l’anno. In pratica quello coloro che avevano già redditi annui elevati hanno potuto dirottare gli aiuti economici verso le criptovalute. 

C’è anche chi non ha tenuto i soldi per sé. Circa il 10% degli americani ha destinato gli aiuti ricevuti dallo stato alla famiglia o agli amici in difficoltà. Un buon 12% pensa di fare altrettanto con i prossimi aiuti.  

Anche i prossimi aiuti economici saranno investiti in criptovalute

A proposito dei prossimi aiuti economici, attesi proprio per marzo 2021, è significativo il fatto che il 17% di coloro che ha risposto al sondaggio pensa di investirli, e il 41% di questa frazione ha indicato espressamente le criptovalute. 

In pratica, le criptovalute sono per queste persone che si descrivono comunque bisognose, un bene rifugio:

Con l’investimento dell’assegno di stimolo nelle criptovalute che rimane così stabile durante la pandemia, con gli investimenti generali che aumentano, e con più americani che mettono il denaro di stimolo nei loro risparmi, sembra che gli americani stiano cercando paradisi sicuri per il loro denaro extra e stanno facendo sperimentazioni per aumentare i loro averi, se possibile.

Insomma, le criptovalute e Bitcoin in generale, si confermano un bene rifugio.

 

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.