banner
Anche Galaxy Digital vuole emettere un ETF su bitcoin
Anche Galaxy Digital vuole emettere un ETF su bitcoin
Bitcoin

Anche Galaxy Digital vuole emettere un ETF su bitcoin

By Marco Cavicchioli - 13 Apr 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Galaxy Digital ha presentato alla SEC la richiesta per emettere un suo ETF su bitcoin. 

Ormai sono una mezza dozzina le richieste di questo tipo che la SEC deve valutare. 

Il fiorire di queste richieste nel 2021, ovvero dopo il cambio di presidenza dell’agenzia americana, fa presupporre che ci potrebbero essere maggiori probabilità rispetto al passato che qualcuna di esse potrebbe essere approvata. 

Anzi, per quanto si sta sviluppando l’adozione di bitcoin negli USA come asset finanziario che controbilancia i rischi di inflazione del dollaro, ormai sembrano proprio esserci le condizioni anche per l’approvazione di un ETF, visto che nel vicino Canada oltretutto non solo ne sono stati approvati già più di uno, ma hanno riscosso un successo praticamente immediato.

Dietro Galaxy Digital c’è Mike Novogratz, ovvero un investitore con molta esperienza alle spalle, e soprattutto una notevole conoscenza del settore crypto. 

Inoltre la stessa Galaxy è il sub-consulente dell’ETF CI Galaxy Bitcoin lanciato proprio in Canada il mese scorso, e che ha già raccolto 190 milioni di dollari.

In un quadro simile apparirebbe oltremodo anacronistico un ennesimo rifiuto da parte della SEC di dotare anche i mercati finanziari statunitensi di un prodotto finanziario regolato e gestito negli USA. 

Perché la SEC potrebbe approvare l’ETF su Bitcoin di Galaxy Digital

In particolare negare ad una società che sta già gestendo un ETF simile in Canada la possibilità di rilasciarlo e gestirlo anche negli Stati Uniti avrebbe davvero il sapore di una beffa. 

Inoltre in questo momento di fatto la SEC sta regalando ai mercati canadesi l’opportunità di fare business con questo genere di prodotti, ed è difficile comprenderne i motivi o trovare una giustificazione valida a questa scelta a dir poco anomala. 

In un quadro simile sembrerebbe davvero probabile l’approvazione in tempi relativamente rapidi di una delle sei richieste di ETF su bitcoin ancora pendenti, ed è possibile che quando ne venisse data notizia questa potrebbe avere un impatto positivo sul prezzo di BTC sui mercati. 

Infatti non è ancora assolutamente chiaro a tutti che bitcoin è un asset finanziario che ormai fa parte del sistema finanziario globale, ed in particolare di quello statunitense, ma un ETF potrebbe consentire a questo nuovo asset di raggiungere praticamente tutti gli investitori, anche i numerosi retail che sono ancora rimasti fuori da questo mercato. 

Entro fine anno la SEC dovrà per forza esprimere un parere chiaro su questa vicenda, anche se è probabile che farà sapere qualcosa ben prima.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.