banner
Bitcoin sceso sotto i 50.000$
Bitcoin sceso sotto i 50.000$
Bitcoin

Bitcoin sceso sotto i 50.000$

By Marco Cavicchioli - 23 Apr 2021

Chevron down

Il prezzo di bitcoin è appena sceso sotto i 50.000$. Non accadeva da inizio marzo che scendesse sotto questa quota, sopra la quale pertanto è rimasto per quasi due mesi consecutivi. 

Pertanto fino ad ora, nell’intera storia di Bitcoin, il prezzo è stato sopra i 50.000$ solamente in due periodi, ovvero tra il 17 ed il 24 febbraio 2021, e poi tra l’8 marzo ed il 22 aprile 2021. 

In particolare dopo aver fatto registrare il massimo storico a quota 64.800$ il 14 aprile, è poi sceso del 24% in nove giorni, fino per l’appunto ai 49.000$ odierni. 

Qualcosa di simile ad esempio era accaduto a marzo 2017, quando però la perdita fu maggiore, seppur le tempistiche del crollo siano simili. 

Va tuttavia sottolineato che in questo 2021 il prezzo di bitcoin è sempre calato negli ultimi giorni del mese. 

Bitcoin sotto i 50.000 dollari, gli altri crolli di BTC

A gennaio passò dai 39.000$ ai 30.000$, a febbraio da 57.000$ a 45.000$, ed a marzo dai 61.000$ ai 51.000$, pertanto la perdita attuale risulta essere perfettamente in linea con quelle dei mesi scorsi di quest’anno, e di entità per ora simile a quella di fine gennaio. 

In passato spesso si sono verificati cali significativi del prezzo di bitcoin pochi giorni prima la scadenza dei future su BTC al Chicago Mercantile Exchange (CME), e la prossima scadenza è venerdì 30 aprile. 

Questi contratti infatti scadono sempre l’ultimo venerdì del mese, ed è curioso come i cali di fine mese spesso si sono interrotti proprio prima che tali contratti andassero effettivamente in scadenza. 

Bisogna però aggiungere che, rispetto al massimo di metà aprile, erano comunque già quasi dieci giorni che il prezzo di bitcoin mostrava qualche segno di debolezza, pertanto il calo di oggi non ha preso alla sprovvista gli analisti più attenti. Inoltre potrebbe essere stato innescato dalla notizia che il nuovo presidente USA Joe Biden ha proposto di aumentare la tassazione sui capital gain alle persone più facoltose. 

In particolare dopo l’improvviso crollo di domenica, quando il prezzo scese da 59.000$ a 52.000$ in pochi minuti, si è diffusa l’opinione che quello non fosse solo un episodio isolato, ma che invece rivelasse una certa difficoltà, forse a causa di una crescita eccessiva nei mesi scorsi. 

D’altronde da inizio anno fino a metà aprile il prezzo di BTC era cresciuto del 125%, e negli ultimi 12 mesi la crescita era stata addirittura superiore all’800%, pertanto era plausibile che ci potesse essere una correzione. 

Il prezzo attuale, ovvero 49.000$, è comunque ancora superiore del 70% a quello di inizio anno, e questo suggerisce che potrebbe non essere in atto un vero e proprio crollo, ma solamente un ritracciamento. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.