Bitcoin, market cap da record ma dominance inferiore al 50%
Bitcoin, market cap da record ma dominance inferiore al 50%
Bitcoin

Bitcoin, market cap da record ma dominance inferiore al 50%

By Eleonora Spagnolo - 29 Apr 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

La dominance del Bitcoin continua a calare e ormai da una decina di giorni è sotto il 50% nonostante il market cap sia ormai da diverso tempo superiore ai 1.000 miliardi di dollari.

Infatti, proprio mentre la capitalizzazione di mercato di BTC è su livelli storici, mai segnati in passato, la dominance sta scendendo sotto il 50%.

Cosa è accaduto? Semplicemente, si è rafforzata anche la capitalizzazione di mercato delle cosiddette altcoin. 

La prima altcoin che sta erodendo fette di mercato a Bitcoin è ovviamente Ethereum (ETH), la cui dominance è ora al 15%. Terza criptovaluta in classifica come dominance è Binance Coin (BNB) che ha visto crescere di molto negli ultimi mesi sia il suo prezzo che la sua capitalizzazione. Questo l’ha portata a scalare la classifica, lasciandosi alle spalle Ripple, Cardano e Tether, fino a poco tempo fa in lotta per il terzo gradino del podio.

Bitcoin, market cap e dominance nel tempo

La dominance del Bitcoin sotto il 50% indica che è alle porte la tanto attesa altseason. Gli investitori infatti sembrano voler diversificare il loro portafoglio investendo non solo in Bitcoin ma anche in altre criptovalute. Tuttavia, non è il dato del 48% il valore più basso di quota di mercato detenuto da Bitcoin. 

Come mostra il grafico di Tradingview, a cavallo tra il 2017 e il 2018, cioè in piena bolla speculativa, la dominance del Bitcoin ha raggiunto percentuali comprese tra il 35 e il 40%, segno che la maggior parte del mercato era detenuto dalle altcoin. Era quello il periodo delle ICO, ma poi, con il passare dei mesi, Bitcoin ha ripreso quota. 

Fino a pochi mesi fa, a novembre 2020, la quota di mercato del Bitcoin era di oltre il 70%. Poi la crescita del prezzo di BTC si è trascinata dietro anche tutto il settore. Tantissime criptovalute hanno vissuto delle impennate di prezzo che le hanno portate a scalare la classifica delle maggiori capitalizzate, ma questo è avvenuto proprio ai danni del mercato di Bitcoin.

La capitalizzazione invece altro non è che il prezzo di una criptovaluta per il numero di token circolanti. Per questo, al crescere del prezzo di Bitcoin, è cresciuta anche la capitalizzazione, che ha toccato il trilione di dollari. L’aumento della capitalizzazione è avvenuto quindi in concomitanza con il repentino aumento del prezzo da sei mesi a questa parte. 

Nel dicembre 2017, quando Bitcoin raggiunse il precedente record storico di 20.000 dollari, la capitalizzazione di mercato arrivò a 277 milioni. L’aumento del prezzo fino a 65.000 dollari e l’aumento anche dei token circolanti ha portato questo calore a quadruplicare a distanza di 4 anni. Se il prezzo continuasse a salire, anche il record di 1,1 trilioni di dollari è destinato ad essere superato. 

 

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.