banner
Nikkei 225 positivo ma debole
Nikkei 225 positivo ma debole
Fintech

Nikkei 225 positivo ma debole

By Eleonora Spagnolo - 7 Giu 2021

Chevron down

L’indice Nikkei 225 conferma la sua tendenza positiva. L’indice ha chiuso la giornata sui mercati asiatici con + 0,27% in un contesto decisamente poco movimentato.

Le piazze azionarie asiatiche infatti sembrano vivere una fase di attesa che terminerà giovedì quando saranno resi noti i dati dell’inflazione negli Stati Uniti. 

Le indicazioni dell’Ufficio Studi Teleborsa sottolineano che l’andamento positivo del medio periodo del Nikkei 225 non è pari a quello di breve periodo che invece è sì positivo, ma meno intenso. Rispetto alla tendenza rialzista in atto, l’attesa è per il test dei 29.061,6, anche se le implicazioni tecniche indicano un calo atteso verso quota 28.694,2.

Cos’è il Nikkei 225

L’indice Nikkei 225 “pesa” 225 tra le maggiori compagnie quotate sulla borsa di Tokyo (Tokyo Stock Exchange o TSE). Al suo interno contempla aziende di alimenti, automotive, tessile e abbigliamento, strumento di precisione, costruzione, estrazione, farmaceutica e tanto altro ancora. Tra i nomi più celebri ci sono le case automobilistiche Mitsubishi, Nissan, Suzuki, Toyota e Yamaha, ma ci sono anche Nikon, Sony, Bridgestone, Panasonic, NTT Data, solo per fare alcuni nomi.

L’indice fu calcolato per la prima volta nel 1950. Dal gennaio 2010 il prezzo viene aggiornato ogni 15 secondi circa.

Il suo ATH (all time high) è stato raggiunto il 29 dicembre 1989 durante la grande bolla speculativa giapponese. All’epoca arrivò fino a 38.957,44. Erano gli anni in cui c’era molta attenzione sullo yen giapponese e la Borsa di Tokyo sfiorava il 60% della capitalizzazione di mercato mondiale. Quando la bolla scoppiò, l’indice perse progressivamente valore, fino alla crisi del 2008.

Tra i suoi momenti più difficili, il minimo toccato il 10 marzo 2009 a 7.054,98 punti (-81% dai top di 20 anni prima). Un altro giorno difficile per la sua storia fu il 15 marzo 2011, due giorni dopo il terremoto del Giappone, quando perse oltre 1.000 punti in un giorno scendendo a 8.605,15.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.