banner
Van Eck: la SEC dovrebbe approvare gli ETF su bitcoin
Van Eck: la SEC dovrebbe approvare gli ETF su bitcoin
Bitcoin

Van Eck: la SEC dovrebbe approvare gli ETF su bitcoin

By Marco Cavicchioli - 23 Giu 2021

Chevron down

Dopo il recente ulteriore rinvio della decisione della SEC riguardo gli ETF su bitcoin, il CEO di Van Eck Associates, Jan van Eck, ha detto a chiare lettere che, secondo lui, l‘agenzia dovrebbe approvarli. 

Infatti durante un’intervista alla CNBC ha dichiarato: 

“Pensiamo davvero che la SEC dovrebbe approvare un ETF su bitcoin. L’unica alternativa a disposizione degli investitori è un fondo chiuso che lo scambia con un premio del 40% o uno sconto del 20% [il Grayscale Bitcoin Trust]”. 

Secondo van Eck la domanda di mercato nei confronti di questo prodotto c’è, e ne giustificherebbe l’emissione. Inoltre ha sottolineato come i futures su bitcoin, già presenti da diversi anni sul mercato, sono diversi a causa della “forma della curva”, facendo notare ad esempio che un fondo basato su questi future ha sottoperformato BTC del 22% l’anno scorso, e dell′8% quest’anno. 

Van Eck: la SEC rinvierà ancora l’approvazione degli ETF su Bitcoin

Van Eck comunque ipotizza che anche ad agosto la SEC rinvierà la decisione, prendendosi tutto il tempo necessario per deliberare, dato che l’ETF su bitcoin non è in cima alle loro preoccupazioni. 

Durante la medesima intervista è intervenuto anche il consulente per gli investimenti e fondatore di Edelman Financial Engines, Ric Edelman, che ha dichiarato che le criptovalute sono la prima nuova grande asset class da 150 anni, totalmente diversa da qualsiasi altra cosa che abbiamo sperimentato prima.

Ha poi aggiunto: 

“Sarebbe molto più facile e semplice se ci fosse un ETF bitcoin. Non è qui e non lo sarà nel prossimo futuro, quindi non puoi continuare a sederti in disparte ad aspettarlo perché quando la SEC dirà di sì, il bitcoin potrebbe essere 100.000$. Ti perderai qualcosa, quindi devi andare avanti con le opportunità di investimento che esistono”. 

CNBC riferisce anche che diverse società statunitensi stanno rilasciando fondi relativi a bitcoin per soddisfare questa domanda attualmente non coperta con gli ETF, e questo sembra stridere un po’ con la ritrosia della SEC ad ammettere tali prodotti sul mercato USA. 

Secondo il ricercatore della Kennedy School of Government dell’Università di Harvard, Timothy Massad, il mercato crypto è cresciuto, ma mancano ancora gli standard di base presenti nei mercati delle security e nelle borse tradizionali. 

Probabilmente fino a che il mercato crypto non riuscirà ad allinearsi a questi standard tradizionali, la SEC farà sempre molta fatica ad accettare l’esistenza di ETF su bitcoin, destinati anche e soprattutto agli investitori retail. Infatti l’agenzia teme che tali investitori possano essere vulnerabili a frodi e manipolazioni di questo mercato, ancora così giovane ed immaturo, e questo potrebbe anche costituire un ostacolo momentaneamente insormontabile per l’approvazione degli ETF su bitcoin.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.