banner
Gli abbonamenti e le criptovalute hanno qualcosa in comune?
Gli abbonamenti e le criptovalute hanno qualcosa in comune?
Interviste

Gli abbonamenti e le criptovalute hanno qualcosa in comune?

By Amelia Tomasicchio - 30 Giu 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Gli abbonamenti stanno diventando il modello di pagamento più popolare nel mondo digitale e anche le più grandi aziende stanno cambiando il loro modello di business (per esempio Photoshop). Subme.Cash ha un piano per cambiare il modo in cui funziona l’economia dell’abbonamento.

Sumbe è un progetto che unisce il mondo delle criptovalute e la fiorente economia degli abbonamenti e che vuole cambiare il modo in cui ci avviciniamo al mercato dell’e-commerce. Sumbe mira a rendere più facile gestire abbonamenti come Spotify o Netflix da un’unica app e applicare il modello di abbonamento alla vendita di prodotti fisici o finanziari. Il progetto ha già raccolto oltre 1,5 milioni di dollari in vendite private e la prima vendita pubblica, e il 29 luglio inizia il round finale di vendite di token SUB. Per partecipare, iscriviti alla whitelist sul sito Subme.Cash.

Cryptonomist ha avuto l’opportunità di parlare con il fondatore, Adam Larsson, sul futuro dell’industria delle criptovalute e sul mercato degli abbonamenti.

Adam Larsson è un imprenditore seriale, creatore di Subme. In qualità di CEO di Workeo ha trovato i migliori talenti per le principali aziende IT e Blockchain. È CEO di Explorey S.A., un’azienda di gestione dell’e-commerce con prodotti unici.

L’idea dietro al progetto

Ciao Adam! Puoi dirci di più su come è nata l’idea di Subme? 

Adam Larsson (AD): Subme.Cash è nato dalla frustrazione che molti di noi probabilmente provano quando cercano di cancellarsi dai prodotti SaaS. Nel mio caso, il problema era cancellare il mio servizio Tidal (streaming musicale). Il processo non è immediato, e confermando la disdetta dell’abbonamento, veniamo portati ad un sondaggio, il cui completamento significa che vogliamo tornare ad abbonarci alla piattaforma. È terribilmente complicato. La nostra vita sarebbe molto più semplice se avessimo un’unica app dove poter gestire tutti i nostri abbonamenti in un unico posto.

 Subme, d’altra parte, è nato perché nella gestione delle mie aziende Kavaha e Workeo ho imparato il valore del mercato degli abbonamenti. Oltre alla comodità del consumatore di ottenere il prodotto di cui ha bisogno su una base continua, gli abbonamenti sono altamente desiderabili dal lato del produttore o del rivenditore. Permettono di pianificare gli investimenti futuri e stimare le entrate future perché sono governati da leggi diverse rispetto a un acquisto una tantum. Vorremmo rivoluzionare il mercato degli abbonamenti offrendo alle persone la possibilità di abbonarsi non solo a prodotti SaaS ma anche a prodotti fisici o d’investimento.

A quali prodotti ci si potrà abbonare sulla piattaforma Subme?

AL: Nel lungo termine, Subme vuole offrire la possibilità di abbonarsi a quasi tutti i prodotti o panieri di prodotti che acquistiamo su base ricorrente. I primi prodotti sulla piattaforma saranno del settore alimentare (soprattutto superfoods), e poi ci apriremo al settore del fitness, ai cosmetici, ai libri e introdurremo i panieri degli influencer. Il prossimo passo sarà quello di introdurre la possibilità di investire tramite il modello di abbonamento – come è ampiamente noto, uno dei modi migliori per investire in bitcoin è la strategia Dollar Cost Average. È difficile per l’utente perché richiede regolarità – intendiamo cambiare questo aspetto. 

Cosa sono gli influencer baskets? 

AD: Il basket dell’influencer è un insieme di prodotti selezionati da una persona o un’organizzazione (ad esempio una squadra di calcio) che possiamo ordinare per noi stessi o per un regalo. Per esempio, gli integratori alimentari utilizzati da Anna Lewandowska, o i kit per i tifosi selezionati da una squadra di calcio.

Il mondo delle criptovalute negli abbonamenti

Avete un modello di business interessante, tuttavia, come si combina il tutto con le criptovalute?

AD: Il mondo delle criptovalute offre molte opportunità che sono legate alla libertà del capitale e alla natura mondana di questa industria. Collaborando con il più grande cantore dell’Europa centrale Bitcan, saremo in grado di offrire vendite in abbonamento per crypto. Il token Subme Cash ($SUB) sarà integrato nella piattaforma e permetterà l’esposizione ai profitti dell’azienda – alla fine di ogni trimestre, il 5% delle entrate dell’azienda sarà dedicato all’acquisto dal mercato e al burning dei token SUB. In questo modo $SUB sarà un token deflazionistico. 

Tutti i membri del nostro team sono stati coinvolti nel mercato delle criptovalute per anni, non solo come investitori. Bartek Bilicki come sviluppatore di blockchain ha lavorato con molti progetti crypto ben noti e ha creato trinity.io. Michał Adamski, faceva parte di BeInCrypto e ha lavorato con GamerHash, DIA o BlockStamp.

Gli utenti di Subme dovranno sottoporsi al KYC? 

AL: Collaborando con Bitcan, saremo in grado di offrire la piattaforma senza dover verificare noi stessi nella maggior parte dei casi. Naturalmente, ci sono un sacco di restrizioni qui, ma le transazioni crypto/fiat saranno effettuate tra gli exchange crypto e Subme, non l’individuo e il rivenditore, rendendo l’intero processo più facile.

Come sarà influenzato il progetto dal mercato ribassista che ha fatto crollare molte criptovalute nelle ultime settimane?

Per fortuna il progetto stesso e la realizzazione degli obiettivi della roadmap non sono influenzati dal mercato, anche se naturalmente è più bello lavorare durante un mercato rialzista. Subme è un’idea basata su un business reale e come tale non deve preoccuparsi delle fluttuazioni dei prezzi. Lo stesso vale per gli investitori in Subme Cash – ottengono un’esposizione a lungo termine ai profitti di Subme, che comprerà token $SUB dal mercato.

Nella mia previsione, l’hype delle criptovalute tornerà dopo le vacanze – anche se purtroppo potrebbe essere influenzato dalle prossime ondate di COVID-19 e dalle azioni sconsiderate di banche centrali e governi.

 

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro su Blockchain Marketing edito Maggioli.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.