banner
Stati Uniti, 46 milioni di persone hanno bitcoin
Stati Uniti, 46 milioni di persone hanno bitcoin
Bitcoin

Stati Uniti, 46 milioni di persone hanno bitcoin

By Eleonora Spagnolo - 5 Lug 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Negli Stati Uniti ci sono 46 milioni di persone che detengono bitcoin. Lo ricorda il profilo Twitter Documenting Bitcoin.

La notizia in realtà è vecchia: ne aveva parlato Newsweek lo scorso 11 maggio.

Secondo la celebre rivista il 17% della popolazione detiene almeno una frazione di Bitcoin.

Non solo: per Newsweek questa ampia fascia di persone sarebbe pronta ad inserire bitcoin nel personale piano finanziario, anche per farsi un’assicurazione sulla vita.

Questi dati risalgono ad una indagine condotta dal New York Digital Investment Group (NYDIG).

L’indagine in particolare si focalizzava sull’aspetto delle assicurazioni in bitcoin scoprendo un grande interesse per la criptovaluta. Certo il sondaggio era stato realizzato all’epoca dell’hype di Bitcoin per cui Newsweek trovava sorprendente che i rispondenti accettassero un asset volatile come bitcoin da includere nelle loro assicurazioni.

Perché negli Stati Uniti è cresciuta la popolarità di Bitcoin

Il possesso di bitcoin negli Stati Uniti è probabilmente aumentato con la pandemia di Covid-19. Infatti la crisi ha portato molte persone a cercare di investire in un bene rifugio diverso. La paura della svalutazione del dollaro, unita alla forte iniezione di liquidità e alla disponibilità di app di trading facili da usare hanno incrementato gli acquisti anche di piccole quantità di criptovalute.

Questo ha anche contribuito alla popolarità di app come Robinhood. Il resto lo ha fatto una sensazione riportata da un’indagine di MagnifyMoney secondo cui il 62% degli investitori crypto pensa che diventerà ricco. 

Certo dal momento del sondaggio ad oggi, il prezzo di Bitcoin è notevolmente calato, scendendo dai 65.000 dollari toccati lo scorso aprile fino ai 35.000 attuali, con picchi minimi sotto i 30.000 dollari (cioè il prezzo che BTC aveva tra fine dicembre 2020 e inizio gennaio 2021).

Ma nonostante il panic selling che riguarda soprattutto i piccoli (e grandi) investitori che sono entrati nel momento dell’hype, c’è molta fiducia intorno a bitcoin e alle criptovalute in generale.

I dati tecnici suggeriscono che questa potrebbe essere una fase di accumulo di Wyckoff che potrebbe portare ad una nuova bull run. E grandi esperti come Cameron Winklevoss (fondatore dell’exchange Gemini) sostengono che il prossimo inverno crypto potrebbe non essere poi così freddo.

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.