banner
Bitcoin: risvegliato un wallet dell’era Satoshi Nakamoto
Bitcoin: risvegliato un wallet dell’era Satoshi Nakamoto
Blockchain

Bitcoin: risvegliato un wallet dell’era Satoshi Nakamoto

By Marco Cavicchioli - 15 Lug 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Pochi giorni fa un vecchio wallet bitcoin dormiente dell’era di Satoshi Nakamoto si è risvegliato. 

Si tratta dell’indirizzo 157XG8DEk6FhcoHfNpZW6v6fuBd9184DsT, che ricevette i suoi primi BTC il primo marzo del 2012.

A dire il vero, Satoshi Nakamoto è sparito dal 2011, ma la prima era di Bitcoin si fa comunemente concludere con il primo halving, avvenuto nel novembre del 2012. Quindi questo indirizzo appartiene per l’appunto alla prima era di Bitcoin.

Il 12 luglio 2021 si è risvegliato con l’invio di 740 BTC ad un indirizzo Segwit. Il precedente invio era stato effettuato il 28 maggio 2012.

In realtà, nel corso degli ultimi nove anni, questo indirizzo ha continuato a ricevere bitcoin, per un totale superiore ai 793 BTC (circa 25 milioni di dollari ai prezzi odierni), ma in totale ha effettuato solo 3 transazioni in uscita, ovvero ha utilizzato solo tre volte la sua chiave privata.

Due di queste sono state effettuate nel maggio del 2012, mentre una a luglio del 2021.

Il risveglio dei wallet Bitcoin della “Satoshi-Era”

Tuttavia, non è l’unico indirizzo della prima era di Bitcoin che si è attivato quest’anno dopo molto tempo di inattività.

Infatti, già a febbraio e marzo 2021 grandi quantità di bitcoin, rimasti fermi fin dall’era di Nakamoto, sono stati spostati dai loro proprietari, per un totale complessivo di circa 7.000 BTC, ovvero oltre 200 milioni di dollari ai prezzi attuali.

Nel caso specifico della transazione di luglio si è trattato probabilmente di uno spostamento tecnico, ovvero da un indirizzo tradizionale ad uno Segwit, forse per poter sfruttare le nuove funzionalità rese possibili proprio dalle nuove specifiche degli indirizzi Segwit. Tuttavia sono stati spostati in questo modo solo 740 dei 793 bitcoin conservati su questo indirizzo, sul quale infatti ad oggi risultano conservati ancora quasi 52 bitcoin.

Tra l’altro, l’indirizzo Segwit a cui sono stati inviati, il giorno dopo ha poi inviato a sua volta tutti i BTC ricevuti a due altri indirizzi che a loro volta li hanno reinviati ad altri indirizzi.

Da notare che i 740 BTC inviati pochi giorni fa furono ricevuti su questo indirizzo il 31 maggio 2012, quando valevano circa 3.800$. Al momento del loro invio, il 12 luglio 2021, valevano oltre 25 milioni di dollari, ovvero più di 6.500 volte tanto. In altre parole nel lasso di tempo intercorso tra il momento in cui sono stati ricevuti e quello in cui sono stati inviati hanno guadagnato più del 650.000% rispetto al valore iniziale in dollari.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.