Mossi i Bitcoin dal wallet di Satoshi Nakamoto
Mossi i Bitcoin dal wallet di Satoshi Nakamoto
Bitcoin

Mossi i Bitcoin dal wallet di Satoshi Nakamoto

By Amelia Tomasicchio - 20 Mag 2020

Chevron down

Secondo un post appena pubblicato su Twitter dal noto Whale Alert, sarebbero stati mossi ben 40 Bitcoin (BTC) da un presunto wallet appartenente proprio a Satoshi Nakamoto.

40 Bitcoin al cambio attuale corrispondono a circa 400mila euro. 

Come spiega Whale Alert, questi BTC sono stati minati durante il primo mese dell’esistenza di Bitcoin, motivo per il quale si pensano siano appartenuti proprio a Satoshi Nakamoto.

Com’è possibile che siano stati mossi i bitcoin dal wallet di Satoshi?

Le opzioni sono le seguenti:

  • Satoshi Nakamoto è ancora vivo (secondo alcune teorie sarebbe morto anni fa);
  • Il wallet non appartiene veramente al creatore di Bitcoin;
  • Qualcuno si è impossessato del wallet di Satoshi per vie legali (un’eredità?) o meno.

Whale Alert, grazie al fatto che la blockchain di Bitcoin è pubblica, offre un servizio di monitoraggio delle transazioni, soprattutto dei wallet più famosi, delle balene o dei wallet degli exchange.

Di recente ha stretto anche una partnership con Bitfinex per pubblicare i propri post sul social dell’exchange, Bitfinex Pulse (su questa piattaforma potete trovare anche The Cryptonomist).

Chi è veramente Satoshi Nakamoto?

Il creatore di Bitcoin si è da sempre nascosto sotto uno pseudonimo e nessuno sa chi sia, anche se ha interagito con diverse persone del settore agli inizi, quando scriveva della sua invenzione sui forum.

Di recente Adam Back era stato additato come Satoshi, ma lui ha tenuto a smentire questa notizia; nel frattempo c’è Craig Wright che invece sta facendo di tutto per dimostrare di esserlo ma con scarsi risultati che lo hanno anche portato in tribunale più volte.

Negli anni comunque molte sono state le supposizioni sull’identità di Satoshi: c’è chi dice sia una donna, chi che sia un gruppo di persone, chi dice che sia morto e così via.

 

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.