banner
Warren contro le banche. La Senatrice a favore delle criptovalute
Warren contro le banche. La Senatrice a favore delle criptovalute
Criptovalute

Warren contro le banche. La Senatrice a favore delle criptovalute

By Marco Cavicchioli - 29 Lug 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Ieri la Senatrice statunitense Elizabeth Warren ha affermato che le criptovalute potrebbero risolvere il problema degli unbanked. 

Lo riferisce Forbes citando il suo intervento al programma televisivo Squawk Box della CNBC. 

Warren fa parte del comitato per le banche e la finanza del Senato USA, ed in passato è stata molto dura nei confronti di Bitcoin. 

Tuttavia ha definito un “enorme fallimento” il fatto che le banche tradizionali non siano in grado di servire milioni di americani a basso reddito. 

Con “unbanked” si intendono quei cittadini adulti che non hanno un conto bancario o una qualsiasi altra istituzione finanziaria, tanto da essere considerati al di fuori dal mainstream. Secondo la Fed, negli USA ci sarebbero circa 55 milioni di unbanked, ovvero addirittura il 22% di tutte le famiglie statunitensi. 

I motivi per cui le criptovalute e le CBDC potrebbero aiutare gli unbanked, secondo Warren, sono in particolare i costi di transazione estremamente bassi, ed il fatto che possano essere utilizzate senza dover far ricorso ad intermediari. 

Warren è anche una sostenitrice di una maggiore regolamentazione delle criptovalute, anche se probabilmente in questo caso specifico si riferiva più alle valute digitali delle banche centrali che alle vere criptovalute decentralizzate. 

Infatti, viste le sue dichiarazioni passate fortemente contrarie alle valute decentralizzate, e dato che non è un tecnico esperto di decentralizzazione, può darsi che non distingua bene le vere criptovalute decentralizzate dalle valute centralizzate delle banche centrali che non sono affatto criptovalute. 

Tuttavia ha specificato che le sue preoccupazioni non sono concentrate sul settore crypto in sè, mai sui potenziali “cattivi attori” che vi operano all’interno, dato che si tratta di un mercato completamente non regolamentato. 

Quest’ultima sembra un’apertura della senatrice democratica nei confronti anche delle vere criptovalute decentralizzate che ha tanto criticato in passato, forse proprio perchè ha iniziato a fare distinzione tra le tecnologia innovative che ne stanno alla base, e l’utilizzo effettivo che le persone ne fanno. 

Pertanto il quadro rimane ancora per certi versi confuso, ma è evidente che stia evolvendo verso una sempre maggior chiarezza, anche se forse è ancora lungi dall’essere realmente chiaro. 

Probabilmente è anche per questo che le regolamentazioni tanto richieste, e attese, tardano ad arrivare, dato che per regolamentare qualcosa prima bisogna comprenderne bene il reale funzionamento, altrimenti si rischia di fare più danni dei problemi che si vorrebbe risolvere.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.