banner
Un nuovo Bitcoin ETF pianta alberi per compensare l’impatto del mining
Un nuovo Bitcoin ETF pianta alberi per compensare l’impatto del mining
Blockchain

Un nuovo Bitcoin ETF pianta alberi per compensare l’impatto del mining

By Riccardo Mangiapane - 30 Ago 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Accelerate Financial Technologies, una società di investimento canadese, ha annunciato l’intenzione di piantare 3450 alberi per ogni investimento di 1 milione di dollari canadesi nel suo Bitcoin Exchange Traded Fund (ETF) a carbonio-negativo per compensare l’impatto ambientale del mining di criptovalute.

Un nuovo ETF su Bitcoin

Il fondo, della società con sede a Calgary, verrà lanciato il 31 agosto alla Borsa di Toronto con il simbolo ABTC. Ha lo scopo di offrire agli investitori un’esposizione alla performance di Bitcoin investendo in derivati, ma naturalmente presenta un alto livello di rischio.

L’ETF Carbon-Negative Bitcoin di Accelerate (TSX:ABTC) intende bloccare oltre il 100% delle emissioni stimate di anidride carbonica attribuibili alle transazioni bitcoin a cui ABTC è indirettamente esposta finanziando iniziative di decarbonizzazione, incluso il suo programma globale di piantumazione e coltivazione di alberi.

Inoltre Accelerate, con questa strategia, sta cercando di soddisfare la crescente domanda degli investitori eco-friendly che si focalizzano sempre più su società con progetti di finanza sostenibile e che tengono in forte considerazione gli ESG factors (environmental, social e governance) quando prendono decisioni di investimento.

Bitcoin, il mining e l’ambiente

Accelerate vuole dimostrare che Bitcoin può soddisfare gli standard ambientali, sociali e di governance a cui molti investitori hanno iniziato a dare la priorità, creando valore attraverso attività che, oltre a generare plusvalore economico, sono anche utili alla società e non a carico del sistema ambientale.

Secondo la visione dell’azienda, ogni investimento aiuterà il decremento di circa 1000 tonnellate di anidride carbonica. Il primo progetto si concentrerà sulla piantagione di alberi di mangrovie in Madagascar.

La crescente preoccupazione per il potenziale esaurimento delle risorse è arrivata fino a Elon Musk, rendendolo dubbioso sul sostegno al mining di BTC e sull’utilizzo eccessivo di combustibili fossili.

Questa iniziativa è un passo significativo verso una importante sensibilizzazione attorno ai temi dell’inquinamento e del cambiamento climatico, ed è di esempio per l’atteggiamento del pubblico nei confronti dell’eco-compatibilità del mining di Bitcoin.

Julian Klymochko, chief investment officer dell’azienda, ha dichiarato in un’intervista:

“Accelerate ha preferito un’opzione concreta attraverso la creazione di piantagioni rispetto all’acquisto dei cosiddetti crediti di carbonio, che non producono gli stessi benefici ambientali.”

Nel 2021, i regolatori canadesi hanno dato il via libera a molti ETF di Bitcoin ed Ethereum, mentre la Securities and Exchange Commission statunitense non ha ancora approvato nessun ETF crypto negli Stati Uniti.

Accelerate mira a diventare l’azienda leader di ETF grazie ad una costante attenzione all’innovazione e alle esigenze dei clienti anche, come in questo caso, considerando nuovi valori sociali.

Riccardo Mangiapane
Riccardo Mangiapane

Laureando magistrale in Management and Finance presso l'università LUMSA di Roma. Appassionato in fintech e crypto, segue con interesse gli avvenimenti sui mercati finanziari cooperando in team all’analisi di diversi casi studio durante il suo percorso accademico.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.