New York Crypto. Nuove accuse per Coinseed
New York Crypto. Nuove accuse per Coinseed
Criptovalute

New York Crypto. Nuove accuse per Coinseed

By Riccardo Mangiapane - 16 Set 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

La procuratrice generale di New York Letitia James ha vinto una sentenza contro la piattaforma di trading di valuta virtuale Coinseed, che deve così interrompere permanentemente le proprie operazioni e nominare un curatore per proteggere i fondi degli investitori.

La condotta errata di Coinseed e la frode del token

James aveva presentato una causa contro Coinseed a febbraio per aver frodato migliaia di investitori negli Stati Uniti.

Anche il CEO di Coinseed Delgerdalai Davaasambuu e il CFO Sukhbat Lkhagvadorj sono stati imputati con l’obbligo di pagare una multa all’incirca di $ 3 milioni di dollari.

Nei mesi successivi, la piattaforma exchange Coinseed ha iniziato ulteriori condotte fraudolente negoziando i conti degli investitori senza autorizzazione e impedendogli di accedere a tali conti.

Nelle denunce documentate, gli utenti hanno affermato di non essere in grado di prelevare i propri fondi, anche quando detenevano somme ben al di sopra di $ 100.000.

Diversi investitori hanno affermato di aver perso decine di migliaia di dollari durante la notte a causa di operazioni non autorizzate.

La frode avveniva attraverso la vendita del Coinseed Token (CSD) ed una volta raccolti i fondi degli investitori, l’azienda li convertiva tutti in Dogecoin (DOGE), causando perdite in poche ore essendo una crypto molto volatile.

La startup aveva lanciato un ICO nel 2017 che ha permesso agli investitori di acquistare i token, ma i funzionari di New York hanno scoperto che Coinseed agiva impropriamente come broker-dealer, senza una dovuta registrazione e permesso, vendendo titoli.

New York Crypto
New York Crypto nuove denunce per Coinseed

Davaasambuu difende Coinseed dalle accuse

A giugno, la Corte Suprema dello Stato della Contea di New York ha accolto la richiesta di James per un’ingiunzione preliminare.

Ciononostante, Coinseed e il suo CEO hanno continuato ad offrire e vendere un nuovo token chiamato “FLJ”, un acronimo dispregiativo rivolto alla procuratrice generale.

Davaasambuu ora sta collaborando con l’ordine del tribunale, anche se insiste ancora sul fatto che Coinseed non abbia commesso alcun comportamento illecito. In merito a questo ha dichiarato:

“Non ci sono ancora regolamenti su come classificare le criptovalute e che tipo di licenze si dovrebbero ottenere per gestire un’attività negli Stati Uniti. Non abbiamo nemmeno una guida chiara su come pagare le tasse relative alle criptovalute.”

L’ufficio della procuratrice generale ha riconosciuto la violazione, da parte della società, della legge antifrode Martin Act, che concede ampi poteri ai funzionari distrettuali per poter condurre indagini su frodi sui titoli.

Lo stesso ufficio ha ricevuto più di 175 reclami da investitori preoccupati per la protezione dei propri beni a causa della condotta fraudolenta di Coinseed.

La procuratrice Letizia James ha commentato così la vittoria in aula:

“Per anni, Coinseed e il suo CEO si sono impegnati in attività eclatanti e fraudolente che hanno truffato milioni di investitori. A dispetto degli ordini del tribunale, questa società ha continuato a operare in modo illegale e non etico, tenendo in ostaggio i fondi degli investitori e sottolineando i pericoli dell’investimento in valute virtuali non registrate.”

Le piattaforme di crypto che agiscono illegalmente, senza precisi permessi o con lo scopo di truffare l’investitore, sono diverse e non si trovano solo negli Stati Uniti.

Ad esempio, alla fine di luglio, la Financial Intelligence Unit of Mexico (FIU) ha ricevuto informazioni su 12 exchange di criptovalute locali che operano senza autorizzazione legale.

Numerose autorità in tutto il mondo si scontrano con questo tipo di attività, con lo scopo di proteggere i risparmi degli investitori e metterli in guardia sui pericoli esistenti nel mercato dei digital asset.

 

Riccardo Mangiapane

Laureando magistrale in Management and Finance presso l'università LUMSA di Roma. Appassionato in fintech e crypto, segue con interesse gli avvenimenti sui mercati finanziari cooperando in team all’analisi di diversi casi studio durante il suo percorso accademico.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.