Beyond the Border: intervista ai produttori del documentario sull’Afghanistan finanziato con Bitcoin
Beyond the Border: intervista ai produttori del documentario sull’Afghanistan finanziato con Bitcoin
Interviste

Beyond the Border: intervista ai produttori del documentario sull’Afghanistan finanziato con Bitcoin

By Amelia Tomasicchio - 18 Set 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Qualche giorno fa, alla Mostra del Cinema di Venezia è stato presentato il documentario sull’Afghanistan “Beyond the Border” che è stato parzialmente finanziato con le criptovalute, grazie ai profitti che uno dei produttori del film ha realizzato con Bitcoin.

Per l’occasione abbiamo intervistato i due produttori del documentario, Suril Desai di Yugen Media e Shahal Khan di Burkhan World.

Beyond the Border, il documentario finanziato con le criptovalute

Potete dirci di più sulla storia dietro il documentario?

Suril Desai: Ho incontrato Dave, il narratore di Beyond The Border, quando sono andato in Kashmir per la prima volta nella mia vita. Avevo sponsorizzato un festival di snowboard + musica chiamato PoK – Powder Occupied Kashmir presents Krystal … un intero gruppo di occidentali, orientali e Dio sa chi altro si sono riuniti per un festival pieno di divertimento nelle regioni del Kashmir a meno di zero gradi. 

Lì siamo diventati amici per la vita. Ho incontrato un’intera comunità di appassionati di sport invernali. Satbir Singh, un mio caro amico che ho incontrato in un altro festival musicale nei deserti del Rajasthan nel 2014, era tra i principali organizzatori. Nasee Khandey, gestiva il lodge dove alloggiavo, mi ha detto che sarebbe venuto a Mumbai per parlarmi del suo progetto. Ho detto ok, certo, perché no. In seguito sono passati molti mesi, ma non era un anno intero. Ho ricevuto una chiamata da Nasee e ci siamo incontrati.

Al primo incontro ero un po’ titubante e ragionavo come un temuto anti-nazionale. Ho pensato: e se fosse un militante o qualcosa di simile, Dio sa cos’altro, ma lo stupido lavaggio del cervello di cui siamo vittime in India contro l’Islam e il Kashmir mi fa arrabbiare. 

Per farla breve, mi ha mostrato il trattamento di Iron Khan. Ho detto immediatamente che lo farò se non riesco a trovare un produttore. Sapendo come funzionano Bollywood, Tollywood e tutti gli altri Woods. Mi sono avvicinato a molti di loro ma ho ricevuto un rifiuto. Determinato e concentrato, ho portato il progetto a mio padre Nishith Desai e a mia madre Swati Desai. Con mia grande sorpresa hanno accettato all’istante. Quella luce verde brilla più di milioni di soli. Ho preso un prestito da mia madre e mi sono messo a lavorare. Il progetto è stato completato in un periodo di 7 anni. Potete vederlo gratuitamente su YouTube, basta digitare Iron Khan nella ricerca.

Quando Nasee e Dave mi hanno parlato dell’idea di fare un documentario sugli sport invernali in Afghanistan, sono stato immediatamente affascinato ed entusiasta di farne parte. Alla prima occasione ho offerto un Bitcoin per dare il via al progetto. Per qualche motivo Dave non era in grado di affrontare le complicazioni dell’uso del computer e quindi la nostra comunicazione si è interrotta, quindi ci siamo seguiti su Facebook. Qualche mese dopo Nasee mi ha contattato e mi ha detto che ne avrebbe fatto un documentario. Ho detto: “Wow, quanto ti serve? Ho continuato a dargli piccole somme di denaro, qualche centinaio di migliaia di rupie. Durante il blocco Nasee ha concentrato tutte le energie sul progetto e ha fatto un bellissimo prodotto. Ho condiviso il trailer con Shahal Khan che ho incontrato su un gruppo WhatsApp di criptovalute. Gli è piaciuto molto e ha assemblato un team di persone dedicate e impegnate da tutto il mondo e dall’Italia. 

Un signore di nome Mirko Negri ha lavorato sodo e ha fatto in modo che Beyond The Border uscisse alla Mostra del Cinema di Venezia. Non l’avrei mai immaginato nei miei sogni più sfrenati e ora siamo qui a discutere dell’Afghanistan. Ecco il perché delle crypto!

Perché avete deciso di usare le criptovalute per finanziare?

S.D: Avrei voluto finanziare l’intero documentario con le crypto. Ho usato le crypto principalmente per mostrare la loro efficienza. È così facile inviarle, riceverle e incassarle. È possibile effettuare operazioni in tutto il mondo senza alcun problema di regolamentazione. Tutto ciò di cui si ha bisogno è un portafoglio di criptovalute, una buona connessione internet e il gioco è fatto. Come il titolo del nostro documentario, le crypto vanno oltre i confini.  Credo che le criptovalute stiano aiutando il mondo ad avvicinarsi. È un grande vantaggio soprattutto per i documentaristi che filmano in zone di conflitto. 

Non devono più preoccuparsi di convertire e trasportare borse di denaro per soddisfare i loro costi di produzione. Inoltre, quando si hanno troupe internazionali, rende molto più semplice la transazione. A differenza dei contanti, le transazioni in criptovalute sono molto più tracciabili (anche se c’è un costo molto alto associato alla tracciabilità) e questo porta molta trasparenza all’intero processo. Tutte le transazioni di Bitcoin sono pubbliche, tracciabili e memorizzate in modo permanente nella rete Bitcoin. 

Perché avete deciso di raccontare questa storia dell’Afghanistan?

S.D.: Quando Dave è venuto in Kashmir ha portato alcuni snowboard da donare alla gente del posto, bambini, giovani adulti sia uomini che donne, in modo che potessero imparare e godersi questo sport. Voleva fare lo stesso in Afghanistan. Quando me l’ha detto non ho potuto resistere a farne parte. Ho anche sentito che questo poteva essere il mio contributo di un centesimo (o un satoshi) per portare la pace nel mondo. 

Anche se non ho mai sciato o fatto snowboard, ho prodotto due documentari sulla cultura degli sport invernali, entrambi in regioni del mondo fortemente conflittuali. Mi sono anche reso conto che ci sono molte somiglianze culturali nelle due regioni. Sento che attività come gli sport invernali possono portare molti cambiamenti nella vita delle persone in queste regioni. Apre le loro menti a nuove esperienze e può migliorare il loro benessere economico. 

Inoltre, confrontando i due documentari, Beyond The Border & Iron Khan, non si può non provare un senso di speranza, empatia e compassione per la gente del posto. Anche in ambienti così ostili riescono ancora a trovare ragioni per sorridere e ridere. Questo di per sé lo trovo gratificante. 

Beyond the border
Shahal Khan

Come state usando gli NFT?

Shahal Khan: Gli NFT delle locandine del film saranno realizzati in un numero limitato di 1000 e messi all’asta in quanto è il primo documentario ad essere prodotto da crypto, quindi il numero unico e il registro sulla blockchain di questi NFT digitali e del poster abbinato saranno un oggetto da collezione. Il prezzo dell’NFT sarà fissato a 1000 dollari per poster e il ricavato sarà utilizzato per finanziare un secondo documentario su un’altra regione dove è necessaria la pace e la comprensione culturale. La piattaforma NFT che lancerà la vendita sarà annunciata nei prossimi 10 giorni.

Come possono le criptovalute cambiare il modo di finanziare i film?

S.K.: Le criptovalute permettono alle persone di tutto il mondo di investire in un film senza restrizioni di movimento di valuta ma permettono anche modelli unici di sindacazione di gruppo dei fondi così come la possibilità per coloro che hanno investito di ottenere royalties sulla blockchain per il loro investimento se investono in quel tipo di struttura. In alternativa, gli asset non-security come gli NFT possono essere utilizzati come altri metodi di reddito creando diritti di proprietà specifici su contenuti come citazioni o immagini che non erano in grado di essere facilmente documentati prima su un registro verificabile.

 

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e Business Developer di Huobi per il mercato italiano.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.