Mining di Bitcoin: la Cina ora ha lo 0% di hashrate
Mining di Bitcoin: la Cina ora ha lo 0% di hashrate
Bitcoin

Mining di Bitcoin: la Cina ora ha lo 0% di hashrate

By Marco Cavicchioli - 18 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Secondo il Cambridge Center for Alternative Finance, l’hashrate della Cina allocato sul mining di Bitcoin si sarebbe pressoché azzerato. 

L’hashrate non è più condizionato dalla Cina

La mappa è chiarissima. Ad inizio anno risultava essere allocato in Cina il 53% dell’intero hashrate di Bitcoin a livello globale, sceso al 49% a marzo. 

A partire da maggio si è verificato un vero e proprio crollo: 44%, sceso al 34% a giugno, ed allo 0% a luglio. 

La Cina ormai non è più un fattore per quanto riguarda il mining di Bitcoin. 

Al contrario, gli USA ad inizio anno erano solamente al 10%, ma a marzo erano già saliti al 16%. Ancora a maggio erano solamente al 17%, ma a partire da giugno c’è stato il boom: prima 22%, poi 35% a luglio. 

La distribuzione dell’hashrate di Bitcoin

La percentuale di potenza di calcolo a livello globale installata negli USA è più che raddoppiata tra maggio e luglio, ed attualmente con il loro 35,4% sono il singolo paese al mondo con più hashrate in assoluto allocato sul mining di Bitcoin. 

La cosa curiosa è che al secondo posto c’è il Kazakistan con il 18%, non a caso un paese con grandi disponibilità di energia a basso costo e vicino alla Cina. 

Molti miner cinesi si sono trasferiti all’estero, e gli Stati dell’Asia Centrale sono stati in assoluto tra le mete preferite dai miner in fuga dalla Cina, sia per i costi ridotti dell’energia, sia anche per la relativa vicinanza. 

Anche Russia e Canada sono ormai nella fascia alta di questa classifica, rispettivamente con 11% e 9,5%. 

Gli unici altri paesi al mondo con più dell’1% dell’hashrate risultano essere Irlanda (4,7%), Malaysia (4,6%), Germania (4,5%) e Iran (3%). 

Hashrate
Nuove forme di mining per Bitcoin.

L’incremento più evidente è quello degli USA, dato che solamente un anno fa erano poco sopra il 4%, e questo fa pensare che il grosso dell’hashrate venuto a mancare quest’anno in Cina sia stato sostituito da hashrate installato negli USA. 

Non è chiaro se si sia trattato di miner cinesi che hanno trasferito la loro attività negli Stati Uniti, o di una nuova opportunità di mercato che gli imprenditori statunitensi hanno saputo sfruttare meglio di altri. 

Nel secondo caso si sarebbe trattato di una vera e propria sostituzione degli USA nei confronti della Cina come paese leader nel mining di Bitcoin, ovvero nella convalida delle transazioni on-chain. Potrebbe a tutti gli effetti trattarsi di un evento epocale per Bitcoin

Risalendo indietro fino a settembre 2019, la percentuale di hashrate allocata in Cina risultava essere addirittura del 75%. Fino ad un paio di anni fa i miner cinesi dominavano completamente questo mercato, senza rivali. Le decisioni dello Stato, contrario al mining di Bitcoin a causa dei consumi energetici, ha escluso la Cina da questo mercato. 

I problemi della Cina 

La Cina quest’anno sta soffrendo di gravi problemi di approvvigionamento energetico, e non è detto che in futuro, qualora dovessero riuscire a risolvere tali problemi, non dovesse prendere la decisione di rientrare. 

La sensazione però è che il dado ormai sia tratto: il Paese asiatico forse ha perso definitivamente il suo primato assoluto nel mining di Bitcoin. 

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.