L’inflazione, il tweet di Pompliano e la realtà economica americana
L’inflazione, il tweet di Pompliano e la realtà economica americana
News dal Mondo

L’inflazione, il tweet di Pompliano e la realtà economica americana

By Fabiana D'Urso - 11 Nov 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Joe Pompliano ha twittato l’ennesima lancia contro le azioni del governo americano in risposta a quella che è attualmente la tematica più scottante: l’inflazione.

Il tweet di Pompliano contro l’inflazione

Si legge nel suo tweet:

Il governo ha stampato trilioni di dollari durante la pandemia, ha aumentato l’offerta di moneta del 30%, ha portato il divario di disuguaglianza di ricchezza a livelli che non abbiamo visto in oltre 50 anni e ha ridotto il potere d’acquisto di almeno il 6,2% anno su anno”.

Non siamo sorpresi dalle frasi che mirano a far riflettere la comunità degli utenti che seguono ormai numerosi i fratelli Pompliano . Anthony, il fondatore della Morgan Creek Digital Assets si è spesso fatto scudo con la linea delle criptovalute di fronte alle decisioni dello Stato. 

Joe Biden deve vedersela non soltanto con chi cerca di portare alla luce nuove tematiche di investimento, ma con un doppio binario di ideologie.

Miami vs New York

Pochi giorni fa il fratello Anthony Pompliano aveva accennato su Twitter ad una possibile apertura a Bitcoin da parte del nuovo sindaco di New York. Chiedendo apertamente di fare una scommessa virtuale su due sindaci neoeletti, Suarez e Adams, rispettivamente per Miami e New York City. 

La scelta di Adams di chiedere i primi addebiti dello stipendio in Bitcoin sembra essere stata una risposta molto più che provocatoria al Tweet di Pompliano. Lo stesso Suarez ricordiamo che ad agosto aveva contribuito alla creazione di una criptovaluta chiamata MiamiCoin, con l’intenzione di spostare l’attenzione sulla realtà crypto della città.

La criptovaluta inaugurata da Suarez è gestita da un’Associazione senza scopo di lucro, la CityCoins. Il sindaco Adams su questa linea si è trovato d’accordo con Suarez proponendo di fare una cosa simile anche per New York.

Le parole di Joe Pompliano sono l’eco di un’onda di preoccupazione collettiva sul futuro economico post pandemia dell’America.

inflazione Pompliano
Negli Stati Uniti la crisi economica si fa sentire

La richiesta di Adams di avere accreditato lo stipendio in Bitcoin tramite conto corrente è una provocazione diretta al governo. In America infatti, non esistono conti correnti in grado di supportare transazioni legate alle criptovalute.   

Inoltre, la volatilità di Bitcoin richiederebbe una continua e nuova rivalutazione dello stipendio versato.

Una realtà economica a rischio

I fratelli Pompliano sono una sorta di ago della bilancia mediatico in America, soprattutto quando si tratta di criptovalute. Anthony, in tutti i suoi show e nelle linee dei suoi argomenti trattati su Twitter cerca di portare il suo contributo a Bitcoin, non è sempre questa la linea che tiene. I suoi alti e bassi sull’analisi dell’asset decentralizzato e dei volumi toccati dal mondo crypto spesso sono vittima della stessa volatilità.

Molti utenti hanno risposto a quest’ultimo tweet con una drastica consapevolezza. L’economia americana è a rischio, ma sono molte le persone che perdono giornalmente il posto di lavoro e che non vedono nelle criptovalute una reale possibilità di guadagno.

Per avere potere di investimento bisogna possedere almeno un marginale capitale. Pompliano critica senza tener conto della reale fase di calo economico che sta interessando molti strati sociali degli Stati Uniti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.