Celsius investe altri $ 300 milioni nel mining di Bitcoin
Celsius investe altri $ 300 milioni nel mining di Bitcoin
Mining

Celsius investe altri $ 300 milioni nel mining di Bitcoin

By Marco Cavicchioli - 22 Nov 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Celsius Network ha investito altri 300 milioni di dollari nel mining di Bitcoin.

Celsius espande il suo coinvolgimento nel mining di Bitcoin

Lo ha rivelato il CEO della società, Alex Mashinsky, affermando che l’investimento mira ad ampliare il loro hashrate nella rete Bitcoin. Mashinsky ha anche rivelato che che fino alla fine del prossimo anno continueranno ad aggiungere hashrate. 

In precedenza avevano già investito 200 milioni di dollari all’inizio di quest’anno, sia in attrezzature per il mining sia in azioni di società come Bitcoin Core Scientific, Rhodium Enterprises e Luxor Technologies. 

Celsius Network in realtà si occupa soprattutto di lending di criptovalute, ma grazie a questi investimenti potrebbe diventare in assoluto anche una delle principali società di mining di Bitcoin del Nord America. Attualmente si stima che abbia un patrimonio complessivo di circa 28 miliardi di dollari.

Celsius Alex Mashinsky
Il CEO di Celsius Alex Mashinsky

Gli investimenti di Celsius

Ad ottobre aveva annunciato di aver raccolto finanziamenti per un totale di 400 milioni di dollari grazie ad un round guidato da WestCap. 

Stando a quanto dichiarato dal CEO, la società ora possiede ben 22.000 ASIC, la maggior parte dei quali sono di ultima generazione (AntMiner S19). Inoltre ad inizio novembre aveva già anche annunciato di aver ordinato delle nuove macchine ancora più avanzate, ovvero gli AntMiner S19XP di Bitmain con una potenza di calcolo di 140 TH/s. Si tratta di singole macchine che in un solo secondo sono in grado di elaborare 140mila miliardi di hash. 

Non è un caso che tali investimenti siano stati effettuati proprio quest’anno, e che possano andare avanti anche l’anno prossimo. Infatti da un lato il prezzo di BTC è cresciuto molto negli ultimi 12 mesi, incrementando a dismisura la profittabilità del mining, mentre dall’altro sono letteralmente scomparsi i miner cinesi che dominavano questo mercato fino a pochi mesi fa. 

Mining e lending crypto

In particolare Celsius utilizzerà i BTC estratti anche all’interno della sua attività di lending, visto che paga anche interessi denominati in BTC. 

La società già da tempo si occupa di prestare fondi a società di mining, e fornisce loro anche altri servizi, come ad esempio rendimenti in caso di prestiti di bitcoin. 

Il mercato del lending di criptovalute è ancora in crescita, anche perché molti possessori preferiscono non venderle tenendole in portafoglio, e magari monetizzarle prestandole in cambio di interessi. In quest’ottica le società di lending crypto sono in crescita, e nel caso specifico di Celsius scelgono di differenziare occupandosi anche di altre attività. 

Invece, a causa soprattutto del ban cinese, l’hashrate complessivo del mining di bitcoin da un po’ di mesi non fa più segnare nuovi record, nonostante il notevole aumento di valore di BTC. Spesso però l’hashrate cresce con molto ritardo rispetto al prezzo di Bitcoin, perché il mining richiede molte risorse e molto impegno.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.