Elon Musk e i suoi tweet: da Dogecoin alla frecciatina a Joe Biden
Elon Musk e i suoi tweet: da Dogecoin alla frecciatina a Joe Biden
News dal Mondo

Elon Musk e i suoi tweet: da Dogecoin alla frecciatina a Joe Biden

By Stefania Stimolo - 23 Nov 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

In un discorso tenuto dal Presidente degli Stati Uniti d’America sul ruolo delle case automobilistiche che guidano il mondo sulla transizione verso i veicoli elettrici, Joe Biden non ha menzionato Tesla. Elon Musk, CEO di Tesla e SpaceX, insieme ai suoi sostenitori commenta sul social dei crypto-lovers Twitter l’accaduto. 

Elon Musk e i suoi tweet frecciatina a Joe Biden

Il discorso tenuto dal Presidente degli Stati Uniti d’America, Joe Biden, avrebbe menzionato la Detroit General Motors Co., Ford Motor Co. e Stellantis N.V

Eppure, come ormai noto, la flotta di Tesla è già al 100% elettrica, superando di gran lunga l’obiettivo della Casa Bianca del 50% di veicoli a emissioni zero entro il 2030. 

In risposta al tweet del vicepresidente degli USA, Kamala Harris in merito alla Legge Bipartisan sulle infrastrutture, David Sacks, il co-founder di Craft Ventures, avrebbe preso le difese di Musk:

“Il futuro è già qui ed è stato costruito da Tesla. Epico gaslighting da parte della Casa Bianca, prima per snobbare Tesla al loro vertice EV e ora per pretendere che il loro sindacato paghi in BBB sarà responsabile della rivoluzione EV di Tesla.”

E poi la risposta di Musk a Sacks e un suo invito ai suoi fan su Twitter:

“Forse NPC e Tesla semplicemente non sono nel loro albero del dialogo?”

“Vediamo se riusciamo a fargli dire la parola “Tesla”!”

Anche il co-fondatore di Dogecoin, Billy Markus, chiamato Shibetoshi Nakamoto su Twitter, è intervenuto. Questa volta per supportare il CEO di Tesla, è stato Markus a condividere un meme. Ecco il tweet:

https://twitter.com/elonmusk/status/1462650378294599683

Elon Musk è fan di Dogecoin

Elon Musk e il ricambio del sostegno dal co-founder di Dogecoin

Forse è a dir poco doveroso il tweet di Markus per sostenere e divertire il CEO di Tesla, messo da parte dalla Casa Bianca. Basta pensare a tutte le volte che l’uomo più ricco del mondo ha condiviso i suoi tweet a favore di Dogecoin, sostenendola a spada tratta. 

Proprio nel mese di ottobre 2021, anche se inizialmente Musk aveva contestato le fee troppo alte per le transazioni in DOGE, il CEO di Tesla è poi risorto con nuovi tweet di supporto, relativi all’aggiornamento del Core 1.14.5 di Dogecoin e con annunci scherzosi (come solito fare) che dicevano che è l’uomo più ricco del mondo non solo grazie a Tesla e SpaceX, ma anche a Dogecoin. 

Sempre nel mese scorso, poi, Musk avrebbe sottolineato, su richiesta specifica, che nel suo wallet possiede solo Bitcoin, Ethereum e Dogecoin. Questo per escludere che fosse anche sostenitore di Shiba Inu, cosa che i fan della ‘Dogecoin Killer’ hanno da sempre sostenuto. 

Dogecoin (DOGE) è la crypto più ricercata su Google negli USA

Uno studio condotto da The Advisor Coach ha mostrato che la crypto-meme per eccellenza Dogecoin (DOGE) è risultata essere la criptovaluta più ricercata su Google negli USA, superando Bitcoin e Ethereum. 

Secondo quanto riportato, l’interesse per la crypto preferita di Elon Musk sembra aver superato i colossi del mercato crypto come Bitcoin e Ethereum messi insieme. E infatti, a tal proposito, The Advisor Coach ha commentato:

“L’aumento di interesse può essere parzialmente attribuito all’approvazione di Elon Musk che ha dichiarato all’inizio dell’anno che Tesla avrebbe accettato Dogecoin come forma di pagamento”

Questo sostegno avrebbe portato 7 milioni di ricerche solo nel mese di ottobre 2021, da un totale di 23 stati tra cui Florida, Hawaii, New Jersey e Illinois. 

Sul podio insieme alla crypto-meme, la seconda crypto più googlata è stata Bitcoin con 10 stati degli USA, tra cui Alaska, Mississippi, Connecticut e New Hampshire e poi Ethereum con 8 stati, tra cui Louisiana, Georgia, Ohio e Virginia.

In quarta posizione negli USA, si trova poi la ‘Dogecoin Killer’, Shiba INU (SHIB) che nata solo 15 mesi fa, è stata ricercata su Google Trends da ben 7 stati degli USA, tra cui California, Texas, New York e Nevada. 

 

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.