Project Catalyst di Cardano. Che cos’è?
Project Catalyst di Cardano. Che cos’è?
Interviste

Project Catalyst di Cardano. Che cos’è?

By Patryk Karter - 12 Dic 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Per diversi mesi, il Project Catalyst di Cardano ha finanziato proposte che sono state votate dai detentori di ADA

Stake Pool Operator [EASY1], che abbiamo già intervistato per la rubrica Cardano SPO, ci aiuterà a capire cos’è Project Catalyst e in che modo sta finanziando progetti nell’ecosistema Cardano.

Cos’è Project Catalyst? Intervista con Cardano SPO [EASY1]

Project Catalyst Cardano
Project Catalyst crea, finanzia e realizza il futuro di Cardano

Ciao, grazie per il tuo tempo. Puoi illustrare cos’è Project Catalyst e come si svolge la votazione?

Project Catalyst è una piattaforma di innovazione aperta, sviluppata sul software di IdeaScale e utilizzata dalla community di Cardano per risolvere i problemi legati alla tecnologia blockchain e alla sua adozione. 

Ogni sei settimane viene allocato un nuovo fondo dalla tesoreria di Cardano, chiunque può proporre un progetto che ritiene possa migliorare l’utilità e/o l’adozione di Cardano, e i titolari di ADA votano per determinare quali progetti vengono finanziati. Ad oggi milioni di dollari vengono distribuiti alle proposte vincenti ogni sei settimane, ed è quindi un ottimo modo per far nascere i progetti. 

Ogni Fund ha diverse Challenge. Puoi spiegare cosa significa?

Durante ogni periodo di finanziamento di 6 settimane, oltre a votare le proposte correnti da finanziare, la community determina anche quali saranno le categorie delle Challenge per il prossimo periodo di finanziamento e l’ammontare dei fondi del tesoro che saranno assegnati a ciascuna categoria. In sostanza, queste categorie sono aree di sviluppo a cui la comunità vuole dare priorità. Le categorie (o “challenge”) aiutano a concentrare l’energia di chi propone su aree che stanno a cuore alla community, e aiutano chi vota a identificare le proposte più forti che affrontano un problema specifico.  

Nel Fund 6, una delle vostre proposte era il progetto Stakeboard, raccontaci di più su questo.

Sembra passata un’eternità dall’inizio del Fund 6, nonostante sia stato solo qualche settimana fa. In quel periodo, solo il nostro co-fondatore Sebastiaan ed io stavamo lavorando su Stakeboard, ed era una lotta per raggiungere i nostri obiettivi di sviluppo e impegnarci nel processo Catalyst allo stesso tempo. Penso che abbiamo messo insieme una proposta solida, ma Catalyst è un processo competitivo. Non solo bisogna creare e perfezionare una proposta. Bisogna anche promuoverla ai potenziali votanti, e il tutto richiede un sacco di strategia, il che è difficile da fare quando si sta anche sviluppando un progetto a tempo pieno. Detto questo, non abbiamo ottenuto finanziamenti per la nostra proposta nel Fund 6, e abbiamo dovuto autofinanziare lo sviluppo di Stakeboard fino ad ora.

Fortunatamente, abbiamo imparato molto dalla nostra esperienza con il Fund 6, e ora abbiamo un team più grande e siamo stati in grado di creare tre proposte solide per il Fund 7. Penso che ognuna di esse sia tra le più brillanti nella propria categoria. E abbiamo anche più risorse per promuoverle e far votare la nostra crescente community di sostenitori. Quindi sono fiducioso in merito alle nostre possibilità di ottenere un finanziamento questa volta. 

Che tipo di proposte state presentando per Fund 7?

Per il Fund 7 stiamo affrontando 3 Challenge che sembrano fatte su misura per le cose su cui stiamo lavorando con Stakeboard. Per riassumere, queste categorie riguardano il disarmo degli attacchi di disinformazione informatica, la promozione della crescita di una community globalmente distribuita di Stake Pool Operator (cioè i validatori della rete Cardano), e lo sviluppo di nuove opportunità di business per gli Stake Pool Operators (SPO). 

Gran parte di ciò che stiamo facendo è promuovere la fiducia nell’ecosistema staking di Cardano, neutralizzando i truffatori e gli impostori. E allo stesso modo, una delle nostre missioni principali è sostenere la crescita sostenibile della comunità SPO di Cardano, in gran parte creando nuove opportunità di business per gli SPO in un’economia incentrata sullo staking che sta emergendo su Cardano. Questa nuova “staking economy” che stiamo aiutando a costruire è ancora agli inizi. Esiste un grande potenziale per la piattaforma Stakeboard di portare valore nell’affrontare tutte e tre queste Challenge che interessano gli utenti di Cardano. Quindi spero davvero che abbiamo fatto un buon lavoro nell’articolare le nostre soluzioni proposte questa volta. Ritengo che l’abbiamo fatto, ma ben presto saranno i holder di ADA a decidere cosa verrà costruito. 

Grazie per il vostro tempo, qualche parola finale?

Chiunque voglia dare un’occhiata alle nostre proposte Catalyst può farlo su stakeboard.net nella sezione Proposals. E siamo lieti di ricevere qualsiasi feedback o domanda su IdeaScale o inviandoci un messaggio tramite il nostro sito web.

Patryk Karter

Appassionato di nuove tecnologie, nutrizione e filosofia, Patryk passa le giornate ad esplorare l'infinito universo del web. Si sposta a Londra dopo aver vissuto la maggior parte della sua vita a Roma. Tenta la vita da studente di Informatica presso il King's College of London ma capisce presto che non è la strada per lui, invece decide di investire il suo tempo e denaro nel mondo della Blockchain e nel frattempo completare corsi universitari disponibili sul web. Ora si occupa di trading e svolge dei lavori come freelancer.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.