SEC USA: Verret richiede la regolamentazione dei beni digitali
SEC USA: Verret richiede la regolamentazione dei beni digitali
Regolamentazione

SEC USA: Verret richiede la regolamentazione dei beni digitali

By Stefania Stimolo - 20 Gen 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il membro del comitato consultivo della SEC USA, J.W. Verret, sta chiedendo all’agenzia governativa di aprire un commento pubblico per quanto riguarda la regolamentazione dei beni digitali.

La SEC e la regolamentazione dei beni digitali negli USA

J.W. Verret, professore associato di diritto e membro del comitato consultivo degli investitori della Securities and Exchange Commission o SEC negli Stati Uniti, ha pubblicato un tweet in cui spiega la sua azione:

Ho presentato una petizione reg con la SEC per aprire una chiamata per un commento pubblico: regolamentazione degli asset digitali. Ci sono sfumature che la SEC ignora nei loro discorsi e minacce “Howey”. Facciamo crowdsource e iniziamo un blocco di genesi per la regolamentazione del 21° secolo.

La petizione di Verret, indirizzata alla segretaria della SEC Vanessa Countryman, chiede semplicemente che la SEC apra un bando per un commento pubblico in merito alla necessità di flessibilità nell’applicazione delle leggi federali sui titoli e attività digitali.

Verret specifica che questo invito a commentare potrebbe funzionare come un “blocco di genesi” per la SEC per iniziare una riprogettazione open-sourced dei regolamenti applicati.

USA regolamentazione asset digitali
Negli USA si discute di regolamentazione crypto

Il test di Howey su crypto e token

Il professore ha anche affermato di possedere Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH) e altri token di livello 1 e livello 2, facilmente disponibili su exchange di alto livello. A tal proposito, Verret esprime la sua preoccupazione come segue:

“Sfortunatamente e tuttavia, sotto l’interpretazione “strategicamente ambigua” della SEC del test Howey, per quanto riguarda la classificazione dei contratti di investimento, non posso essere certo che la SEC non prenda di mira in futuro una delle mie partecipazioni ai token, con il pretesto della missione di protezione degli investitori della Commissione, in un modo che alla fine mi causerebbe perdite significative come proprietario.”

Il test di Howey è utilizzato dalla SEC dagli anni ‘40, per determinare se alcune attività si qualificano come “contratti di investimento” e sono considerate titoli.

Verret vede questo tipo di approccio sulle criptovalute e token incoerente rispetto al linguaggio usato nella decisione della Corte Suprema.

I continui rinvii agli ETF di Bitcoin nel mercato USA

Mentre Verret ha iniziato apertamente la sua comunicazione con la SEC per regolamentare le crypto e i token, la stessa continua a rinviare gli ETF su Bitcoin.

All’inizio di questo 2022, è stato il turno dell’ETF di NYDIG basato su BTC spot, la cui eventuale approvazione è stata rimandata al prossimo 16 marzo. 

NYDIG Bitcoin ETF si aggiunge ad altre proposte come quella di Grayscale di trasformare il suo Grayscale Bitcoin Trust (GBTC) in un ETF. 

Attualmente, sui mercati USA non è ancora stato approvato alcun ETF basato su Bitcoin spot, ma solo alcuni basati su contratti future sul prezzo di BTC. 

 

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.