Bitcoin valuta legale in Arizona: la proposta di legge
Bitcoin valuta legale in Arizona: la proposta di legge
Bitcoin

Bitcoin valuta legale in Arizona: la proposta di legge

By Eleonora Spagnolo - 31 Gen 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Negli Stati Uniti, e nello specifico in Arizona, è stata depositata una proposta di legge per rendere Bitcoin valuta legale. A farlo è stata la senatrice Wendy Rogers. 

Bitcoin valuta legale: il testo della proposta di legge in Arizona

La proposta di legge è molto corta. Si tratta di un solo articolo in cui si elencano tra i beni a valuta legale anche Bitcoin, dandone anche la seguente definizione: 

“Bitcoin” significa la valuta digitale decentralizzata, peer-to-peer in cui un record di transazioni è mantenuto sulla blockchain e nuove unità di valuta sono generate dalla soluzione computazionale di problemi matematici e che opera indipendentemente da una banca centrale”. 

Chi è Wendy Rogers

Wendy Rogers è una senatrice dell’Arizona rappresentante del partito repubblicano. In realtà si tratta di un personaggio molto discusso in quanto ha pubblicamente ammesso di essere un membro degli Oath Keepers, milizia di estrema destra, tra i gruppi che hanno partecipato all’assalto a Capitol Hill del 6 gennaio 2021. Dal suo profilo Twitter è facile intuire che è una seguace convinta dell’ex presidente Donald Trump.

Su Twitter ha annunciato di aver depositato diversi disegni di legge legati alle criptovalute. 

Ma la sua proposta di legge deve scontrarsi con un’altra, l’America Cometes Act of 2022, che invece minaccia di bannare le criptovalute. 

Wendy Rogers
Wendy Rogers

The America Competes Act Of 2022

Questa proposta di legge invece darebbe un potere illimitato al Segretario del Tesoro per vietare qualunque asset finanziario che abbia un qualche legame straniero senza nessun chiarimento o preavviso. 

Come ha spiegato la senatrice pro Bitcoin Cynthia Lummis

“Non lo dice esplicitamente, ma questo è un attacco diretto all’industria dei beni digitali. Il Dipartimento del Tesoro ha già un’ampia autorità in questo settore, ma ha un limite di tempo rigoroso e un requisito di notifica pubblica”.

Se questa disposizione dovesse rimanere nel disegno di legge, dovremmo davvero rinominarla l’America Fails Act. Questa disposizione soffoca l’innovazione e la concorrenza e sembra più qualcosa che il partito comunista cinese imporrebbe all’industria.

La senatrice ha già promesso battaglia, perché, come lei stessa ha detto via Twitter, non lascerà che sia il governo a scegliere tra vincitori e perdenti. Il rischio vero è che gli Stati Uniti perdano la loro posizione di leader nella finanza. 

La sua conclusione è al veleno: 

Il governo non ha bisogno di prendere decisioni finanziarie per il popolo americano. Il nostro debito nazionale di 30 trilioni di dollari dovrebbe essere il primo indizio di questo.

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.