Report JP Morgan: Bitcoin a 150.000 dollari
Report JP Morgan: Bitcoin a 150.000 dollari
Bitcoin

Report JP Morgan: Bitcoin a 150.000 dollari

By Eleonora Spagnolo - 14 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Secondo l’ultimo report di JP Morgan, il valore di Bitcoin è attualmente sovrastimato del 17%, ma BTC può arrivare sul lungo periodo a 150.000 dollari.

L’analisi di JP Morgan su Bitcoin: il report

L’ultimo report di JP Morgan rivede al rialzo le stime del prezzo di Bitcoin sul lungo periodo. Se in una precedente analisi il prezzo di BTC era dato a 146.000 dollari, stavolta gli analisti della banca USA sembrano ancora più ottimisti.

Il fatto che attualmente sia sovrastimato lascia intendere che secondo JP Morgan Bitcoin attraverserà un momento di ribasso.

Attualmente il prezzo di BTC è 42.000 dollari circa. Secondo le stime di JP Morgan Bitcoin dovrebbe scendere nuovamente sotto i 40.000 dollari per toccare anche i 35.000 dollari. Ne dovrebbe seguire una nuova salita.

Gli esperti della banca però si mostrano perplessi sulla volatilità di Bitcoin che a loro avviso frena l’adozione.

“La più grande sfida per Bitcoin in futuro è la sua volatilità e i cicli di boom-and-bust che ostacolano l’ulteriore adozione istituzionale”.

Per JP Morgan infatti Bitcoin è quattro volte più volatile dell’oro. 

Report JP Morgan Bitcoin
Per JP Morgan Bitcoin resta troppo volatile

Gli investitori istituzionali e Bitcoin

Ma sarà vero che gli investitori istituzionali temono Bitcoin? Probabilmente qualcuno è frenato dalla volatilità di BTC, ma ce ne sono altri che stanno capendo che Bitcoin può essere una valida alternativa ai beni rifugio classici.

Ad esempio, in una recente intervista alla CNBC Bill Miller ha confermato il suo pensiero, ritenendo Bitcoin una protezione contro una catastrofe finanziaria.

Già qualche tempo fa il CEO di Legg Mason Capital Management aveva ammesso di avere metà del suo portafoglio in BItcoin. Ora questa porzione si è ridotta per via del calo del prezzo di BTC, ma l’asset digitale resta per Bill Miller un corposo investimento.

Anche grandi aziende come Tesla hanno investito in Bitcoin e questo le ha portate ad  aumentare il proprio capitale visto l’aumento del prezzo che ha conosciuto Bitcoin nel 2021.

La volatilità di Bitcoin frena la BCE

Che Bitcoin sia fin troppo volatile è anche l’opinione della BCE. Durante un AMA fatto via Twitter a cui ha risposto il membro del board della BCE Isabel Schnabel, è emersa ancora una volta l’opinione chiara della Banca Centrale Europea:

La BCE al momento non intende comprare BTC perché è un asset speculativo e la sua volatilità non lo rende adatto ad essere uno store of value.

L’ascesa di prezzo, anche legata alla volatilità, potrebbe far cambiare idea a molti.

 

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.