Report JP Morgan: Bitcoin a 146.000 dollari
Report JP Morgan: Bitcoin a 146.000 dollari
Bitcoin

Report JP Morgan: Bitcoin a 146.000 dollari

By Fabiana D'Urso - 8 Nov 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Ogni tre mesi la banca d’investimento globale JP Morgan pubblica un report di analisi relativa a tutte quelle prospettive di investimento che si prospettano o che si sono attuate nell’arco del trimestre. Nell’ultima pubblicazione, nella sezione dedicata alle risorse digitali, la Banca ha definito chiaramente l’intenzione di previsione di un aumento raddoppiato del prezzo di Bitcoin attestato su 146.000 USD.

L’analisi di JP Morgan  su Bitcoin

L’analista che ha curato questo rapporto, Nikolas Panigirtzoglou, ha spiegato nei minimi dettagli che il prezzo di Bitcoin potrebbe tranquillamente raggiungere questo livello se la sua volatilità subisse in parte un arresto. La previsione della JP Morgan si basa anche su di una conseguente presa di coscienza degli investitori istituzionali. Investire in criptovalute potrebbe diventare un’opportunità tangibile con un ritorno importante paragonabile a quello dell’oro.

A breve termine il prezzo indicato dall’analisi della Banca d’Investimento è quello che si aggira intorno ai 73.000 USD, come previsione per l’anno 2022.

Ha così affermato Panigirtzoglou:

“Le risorse digitali sono in ascesa strutturale pluriennale, ma l’attuale punto di ingresso sembra poco attraente a nostro avviso per un orizzonte di investimento di 12 mesi in quanto il bitcoin sembra essere tornato in territorio di ipercomprato”.

E inoltre, ritornando sulla sua previsione rialzista, ha aggiunto:

“Il riemergere delle preoccupazioni sull’inflazione tra gli investitori durante settembre / ottobre 2021 sembra aver rinnovato l’interesse per l’uso del bitcoin come copertura contro l’inflazione”. 

I rischi della volatilità per Bitcoin

La discussione che si sta a avendo anche tra le pieghe congressuali in America rispetto all’inflazione, sta portando molti a concentrare l’attenzione su altre strade di investimento non per questo tracciabili attraverso la sicurezza (non più tale) dell’oro.

Inoltre, la presenza di giovani investitori, anche internazionali, che puntano sulle criptovalute, non sta facendo altro che mettere sullo stesso piano le due metodiche economiche. 

JP Morgan Bitcoin
Per JP Morgan Bitcoin arriverà a 73.000 dollari nel 2022

Questo perché qualunque tipo di ribasso inteso come concausa dell’inflazione crescente, si riverserebbe sulle quotazioni legate all’oro. Questo non farebbe altro che portare ad una crescita esponenziale non solo di Bitcoin, a lungo termine, ma anche di tutto il mondo delle criptovalute.

Tutto questo è però legato ad una richiesta sottintesa degli investitori di una frenata sulla volatilità della regina delle criptovalute. Il risvolto sarebbe un interessamento sempre maggiore degli investitori istituzionali. 

Nel rapporto pubblicato la JP Morgan sostiene comunque il punto d’analisi che vede entro un termine prossimo la possibilità di un raggiungimento del prezzo di Bitcoin, che sfiori i 73.000 USD.

Criptovalute in crescita

L’imprevedibilità di Bitcoin è sicuramente una certezza, ma la sua continuità ad oscillare verso l’alto non lascia dubbi nell’analista della banca d’investimento americana.

E infatti aggiunge:

“Non c’è dubbio che le criptovalute e gli asset digitali più in generale siano una classe di attività emergente e quindi su un trend rialzista strutturale pluriennale”. 

L’analista porta l’attenzione anche sul cambiamento legato ad una crescita esponenziale delle criptovalute durante il tempo pandemico. Questo perché la gente inizia a percepire una non sicurezza per quanto riguarda la finanza istituzionale legata all’oro e di conseguenza condizionata da una possibile forte inflazione.

Non dimentichiamoci che poche settimane fa il CEO della JP Morgan, Jamie Dimon aveva proferito parole di profondo scetticismo per la dimensione Bitcoin, arrivando a contrastare l’interesse da parte degli investitori verso le criptovalute.

In realtà quello che è certo, oltre al rapporto d’analisi prospettico della Banca è la richiesta sempre più crescente da parte dei clienti di offerte per investimenti crittografici.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.