Nuovo record per i depositi su Ethereum 2.0
Nuovo record per i depositi su Ethereum 2.0
Ethereum

Nuovo record per i depositi su Ethereum 2.0

By Marco Cavicchioli - 16 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Gli ETH messi in staking sulla Beacon Chain di Ethereum 2.0 stanno facendo registrare continuamente nuovi record

29 miliardi di dollari: record per Ethereum 2.0

Se a fine dell’anno scorso erano 8,8 milioni, ora sfiorano i 9 milioni e mezzo, per un controvalore superiore ai 29 miliardi di dollari. Si tratta di quasi il 10% di tutti gli ETH esistenti al mondo. 

L’aumento più significativo è avvenuto nel 2021, quando sono passati da un milione e mezzo a quasi nove milioni, ma questo aumento non si è affatto arrestato nemmeno nel 2022, nonostante gli ETH immobilizzati su Ethereum 2.0 non possano più essere utilizzati fino al lancio ufficiale e definitivo del nuovo protocollo. 

Da notare che sono aumentati significativamente anche i validatori, passati dai 275.000 di fine 2021 agli attuali 294.000. 

Il lancio definitivo di Ethereum 2.0 sarebbe previsto per quest’anno, ma visto che in passato è già stato rinviato più volte non è impossibile che possa subire ulteriori rinvii. 

La cosa interessante è che mettere ETH in staking su Beacon Chain di fatto significa toglierli dai mercati di scambio, e questo porta inevitabilmente ad una riduzione degli ETH in vendita sugli exchange, sebbene solo temporaneamente. 

transazioni Ethereum
Il costo delle transazioni su Ethereum sta scendendo

Il costo delle transazioni di Ethereum 2.0

Sebbene Ethereum 2.0 abbia come uno dei suoi principali obiettivi quello di ridurre i costi delle transazioni, questi in realtà ultimamente sono calati lo stesso. 

A fine 2021 il costo medio per transazione era di circa 30$, mentre negli ultimi giorni ha toccato un minimo di 15$. La mediana invece nel medesimo periodo è scesa da 15$ a 6,7$, per poi risalire sopra gli 8$. 

Si tratta comunque di cifre ancora superiori sia a quelle di Bitcoin (2$ di media e 0,5$ di mediana) sia a quelle precedenti all’introduzione dell’aggiornamento London che ha introdotto il burn parziale delle fee. 

Basti pensare che a luglio dell’anno scorso le fee su Ethereum erano scese persino sotto quelle di Bitcoin, toccando un minimo di 2,3$ di media e 1$ di mediana. 

Le cifre attuali però ora perlomeno sono in linea con quelle di inizio febbraio 2021. 

Resta comunque molto interessante il fatto che la community sembra credere sempre di più nel progetto Ethereum 2.0, ovvero la sostituzione dell’attuale blockchain basata su Proof-of-Work con la futura Beacon Chain basata invece su Proof-of-Stake. Se a ciò aggiungiamo il successo dei second layer, in grado di abbattere i costi in modo decisamente importante, il quadro futuro a medio termine sembra molto interessante.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.