I router Starlink di Elon Musk sono in Ucraina
I router Starlink di Elon Musk sono in Ucraina
News dal Mondo

I router Starlink di Elon Musk sono in Ucraina

By Eleonora Spagnolo - 1 Mar 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

I router Starlink di Elon Musk sono arrivati in Ucraina e il CEO di Tesla ha confermato che il servizio è ora attivo nel paese. 

Starlink in Ucraina

Nei giorni scorsi Mykhailo Fedorov, primo ministro ucraino, ha fatto appello al CEO di Tesla affinché potesse utilizzare il sistema Starlink per aiutare l’Ucraina. 

Elon Musk ha prontamente risposto all’appello attivando Starlink anche in Ucraina e inviando i router che sono arrivati nella notte. 

Cos’è Starlink 

Starlink è un sistema di connessione ad internet satellitare, totalmente indipendente dagli attuali collegamenti, in grado di garantire banda larga e bassa latenza. 

L’Ucraina ne ha fatto richiesta perché teme che i russi possano bombardare le infrastrutture che garantiscono attualmente i collegamenti internet. 

Starlink permette di ovviare a questo pericolo grazie a 2.000 satelliti in orbita, a 550 km dalla Terra, che permettono una connessione ad una velocità simile a quella della fibra ottica. 

starlink

La battaglia si sposta sui Social media 

Il primo ministro ucraino in questi giorni sta anche sollecitando i principali social media ad intervenire contro la Russia. 

Prima ha fatto un appello a Mark Zuckerberg per impedire l’accesso dalla Russia a Facebook e Instagram. Anche questo appello ha trovato un valido interlocutore. Nick Clegg, VP Global Affair di Meta, ha annunciato che il colosso dei social media sta prendendo provvedimenti.

Ad esempio, Facebook e Instagram stanno controllando le notizie diffuse dai media russi, e nel frattempo hanno bloccato gli ads e demonetizzato gli account russi.  Sono state anche introdotte delle chat criptate su Messenger.

Al momento Facebook e Instagram non sono stati bloccati in Russia perché, come ha spiegato Nick Clegg, questi social vengono utilizzati anche per organizzare proteste contro la guerra. Sono a modo loro dei mezzi per permettere informazione libera. 

Adesso Mykhailo Fedorov chiede provvedimenti a Google e Youtube, affinché intervengano contro i media russi.

L’ultimo appello chiede a Youtube di bloccare Russia 24, uno dei principali canali di propaganda di Mosca. 

Google Europe intanto ha annunciato di avere già bloccato i canali di RT e Sputnik, gli stessi su cui era intervenuto anche Facebook. 

La guerra in pratica passa anche dai big tech. Ciascuno sta facendo la sua parte, da Elon Musk a Mark Zuckerberg, per il bene dell’Ucraina. 

 

Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.