Ucraina: crescono le donazioni crypto
Ucraina: crescono le donazioni crypto
Criptovalute

Ucraina: crescono le donazioni crypto

By Vincenzo Cacioppoli - 14 Mar 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Da quando il 26 febbraio il governo dell’Ucraina aveva chiesto alla comunità internazionale di poter accettare anche donazioni in criptovalute per aiutare il Paese durante l’invasione russa, le donazioni sono aumentate fino a superare la cifra di 90 milioni di dollari, secondo le ultime stime del ministero della innovazione tecnologica.

200.000 donazioni crypto per l’Ucraina

Sarebbero infatti arrivate oltre 200.000 donazioni in criptovalute, alcune anche consistenti, altre derivate dalla vendita di NFT.

Tra queste ne risulterebbe una di 1,86 milioni di dollari, inizialmente prevista per finanziare Julian Assange.

Il Ministro dell’innovazione tecnologica è certa che nei prossimi giorni si supererà la barriera dei 100 milioni di dollari in criptovaluta donati alla resistenza ucraina.

Crypto Ucraina
Il mondo crypto continua a donare per l’Ucraina

La mobilitazione del mondo crypto

Alex Bornyakov, viceministro ucraino per la trasformazione digitale, diventato ormai il portavoce del governo per quanto riguarda il tema delle criptovalute, venerdì scorso ha affermato che oltre $ 50 milioni sarebbero stati ricevuti dal fondo primario gestito dall’exchange di criptovalute Kuna.

I fondi, gestiti da Kuna, secondo quanto affermato dal suo fondatore Michael Chobanian, verrebbero utilizzati per acquistare forniture non letali come benzina, cibo e giubbotti antiproiettile per i soldati.

Alcuni fornitori avrebbero anche accettato il pagamento direttamente in criptovalute.

Il governo ucraino accetta fino a questo momento donazioni in Bitcoin, Ethereum, USDT, Polkadot e Dogecoin. 

Il fondatore di Kuna, nei giorni scorsi ha anche postato su Twitter una schermata che mostrava la quantità di fondi ricevuti nelle rispettive criptovalute.

Oltre al governo, anche alcune organizzazioni non profit e filantropiche, come Back Alive, Ukraine DAO, Endaoment e il Kyiv Independent, un quotidiano ucraino in lingua inglese, stanno accettando direttamente donazioni di criptovaluta.

Oltre alle donazioni dirette al governo, molti operatori del settore, come per esempio Kraken, hanno messo in campo piani di aiuti per i propri utenti ucraini.

Inizialmente offrendo 1.000 $ agli utenti che avevano aperto un account entro il 9 marzo 2022.

Il governo russo, a nome del suo attivismo vicepresidente e ministro per l’innovazione tecnologica, Mikhailo Fedorov, nei giorni scorsi aveva anche chiesto ai principali exchange del mondo di bloccare tutti gli  utenti russi, per evitare che potessero in qualche modo aggirare le sanzioni imposte dalla comunità internazionale.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.