Kraken dona $ 10 milioni all’Ucraina
Kraken dona $ 10 milioni all’Ucraina
Criptovalute

Kraken dona $ 10 milioni all’Ucraina

By Vincenzo Cacioppoli - 10 Mar 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

In questi giorni si sta assistendo ad un polemica via Twitter per la decisione del carismatico CEO dell’exchange di criptovalute Kraken, Jesse Powell, di rispedire al mittente l’invito dell’Ucraina, partito dal ministro dell’innovazione tecnologico Fedorov, di bloccare gli utenti russi dei principali exchange di criptovalute.

Kraken e il blocco ai russi

Inizialmente Powell ha dichiarato che senza una imposizione di legge non avrebbe mai volontariamente bloccato gli account russi, perché questo sarebbe stato contrario allo spirito di disintermediazione e libertà intorno a cui è nato il concetto delle criptovalute.

In un successivo Tweet ha parlato anche di politica e senso della democrazia, arrivando ad indicare i pericoli a cui si stava andando incontro con la demonizzazione della Russia e dei cittadini.

https://twitter.com/jespow/status/1500335663295598592?t=FZoStkDFZ2SZQXDOHBrXXQ&s=19

Poi è sceso in diretta polemica con i politici americani e con la loro supposta difesa della democrazia contro la tirranide russa affermando molto chiaramente che se dovesse bloccare i russi per la guerra dovrebbe fare lo stesso anche con gli americani.

“Se dovessimo congelare volontariamente i conti finanziari dei residenti di paesi che attaccano ingiustamente e provocano violenze in tutto il mondo, il passo 1 sarebbe quello di congelare tutti i conti statunitensi.  In pratica, questa non è davvero un’opzione commerciale praticabile per noi” 

ha scritto su un tweet Powell.

Kraken Ucraina
Kraken dona $ 10 milioni all’Ucraina

Kraken e il programma di aiuto all’Ucraina

Per quanto riguarda il programma di aiuti proposto da Kraken inizierà fornendo $ 1.000 di bitcoin il 10 marzo a tutti i clienti ucraini che hanno creato un account prima del 9 marzo e hanno un account intermedio o pro. Le successive tranche saranno distribuite durante tutto l’anno, così come altri aiuti.

“Come parte dello sforzo, Kraken donerà anche un importo equivalente alle commissioni di negoziazione totali pagate dai clienti con sede in Russia nella prima metà del 2022 al pacchetto di aiuti”. 

Si legge in una nota della società.

Powell ha spiegato questo sforzo della società in Ucraina con un recente tweet:

Gli aiuti all’Ucraina dagli exchange crypto

La decisione di Kraken segue quella del più grande exchange al mondo, il cinese Binance, che giorni fa ha proposto una campagna di aiuti per l’Ucraina da 11 milioni di dollari attraverso la sua organizzazione  benefica. Inoltre grazie ad un’iniziativa di crowdfunding sponsorizzata ha raccolto altri 12 milioni di dollari. 

FTX infine ha proposto di aiutare gli utenti ucraini,versando $ 25 a ciascun cliente che vive sui territori interessati al conflitto.

 

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.