Activision Blizzard: in arrivo gli NFT su Call of Duty?
Activision Blizzard: in arrivo gli NFT su Call of Duty?
NFT

Activision Blizzard: in arrivo gli NFT su Call of Duty?

By Marco Cavicchioli - 8 Apr 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Iniziano a circolare indiscrezioni dal colosso Activision Blizzard in merito ad una possibile integrazione degli NFT in Call of Duty 2022.

Activision Blizzard pronta a lanciare gli NFT su Call of Duty

Activision Blizzard sembra stia prendendo in seria considerazione l’ipotesi di introdurre gli NFT su Call of Duty. 

Activision Blizzard è una società nata dalla fusione tra Activision e Blizzard Entertainment, ed è un colosso dei videogiochi a livello globale. Nel corso del 2022 dovrebbe essere completata l’acquisizione che la farà entrare a far parte della divisione Microsoft Gaming. 

Uno dei suoi videogiochi in assoluto più famoso è Call of Duty (COD), nato nel 2003 ed ancora molto celebre, visto che continua ad uscirne una nuova versione ogni anno. 

La versione del 2022 è sviluppata da Infinity Ward, e dovrebbe essere un sequel next-gen di Modern Warfare del 2019, con un nuovo Warzone. 

Nel post ufficiale di annuncio di febbraio non vi è traccia di una possibile integrazione di NFT, ma secondo alcune fonti, la revisione dell’UX/UI di Call of Duty prevede l’introduzione di nuove funzionalità per personalizzare gli account ACTV, tra cui Global Calling Cards & Emblems, ed avatar. 

Per queste nuove funzionalità, Infinity Ward ed Activision stanno prendendo in considerazione l’utilizzo di NFT. 

Tale valutazione sarebbe in corso ormai da alcuni mesi. 

NFT nel gaming: un’opportunità da non perdere

nft gaming activision blizzard
Gli NFT sono pronti ad entrare anche nell’amatissimo Call of Duty

A dire il vero ad oggi sembrerebbe più strano il contrario, ovvero che scegliessero di non utilizzare NFT nel loro gioco di punta, visto che ormai i Non-Fungible Token si stanno diffondendo a macchia d’olio nel mondo dell’online gaming. Inoltre costituiscono un’opportunità che avrebbe davvero poco senso non sfruttare. 

Tuttavia, il suo acerrimo concorrente, EA, da questo punto di vista ha fatto marcia indietro, visto che aveva annunciato un ruolo per i token all’interno dei propri giochi ma poi ha frenato rimandando l’integrazione al futuro prossimo. 

Inoltre ora che dietro Activision di fatto c’è Microsoft, bisognerà vedere se la casa madre concorderà su questa scelta. 

A tal proposito però va detto che Microsoft è già coinvolta sia con la tecnologia che con il mercato degli NFT, quindi pare improbabile che si opponga ad una scelta tale. Tuttavia tempo fa il CEO di Microsoft Gaming, Phil Spencer, espresse alcune preoccupazioni sugli NFT, suggerendo che l’azienda da lui diretta non sia interessata ad utilizzarli. 

Il contesto pertanto appare complesso e per nulla chiaro, ma perlomeno in teoria gli NFT potrebbero realmente essere integrati in Call of Duty ad esempio per gli emblemi, le skin e le card che i giocatori possono sbloccare. Oppure per vendere i tradizionali oggetti di gioco.

Probabilmente sarà necessario attendere i dettagli ufficiali della nuova versione 2022 di COD per capire se la società avrà scelto di integrarli veramente, oppure no. 

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.