Macron, favorevole allo sviluppo del Web3 in Europa
Macron, favorevole allo sviluppo del Web3 in Europa
News dal Mondo

Macron, favorevole allo sviluppo del Web3 in Europa

By Vincenzo Cacioppoli - 4 Mag 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

In una lunga intervista al giornale online Big Whale, Macron ha parlato in termini molto favorevoli di NFT, Metaverso e Web3 in generale.

Le parole di Macron sul Web3

web3 metaverso
Macron si rivela molto favorevole allo sviluppo di tutto quello che sta intorno al Web3

Emmanuel Macron, appena rieletto presidente della Francia, ha detto a proposito del metaverso:

“Il metaverso ha un enorme potenziale nella cultura e nel tempo libero grazie alle sue applicazioni nella musica, nei concerti, nelle mostre d’arte, ecc. Non possiamo considerare la nostra politica culturale senza questa rivoluzione.” 

Ha poi aggiunto:

“La Francia ha un’opportunità unica di vedere il suo modo di vivere – lingua, patrimonio, monumenti e città – esistere nel metaverso. Metterli nel metaverso creerà una “storiografia digitale” della storia collettiva della Francia.”

Queste sono solo alcune delle affermazioni fatte da Macron al giornale online francese specializzato in blockchain e criptovalute “The Big Whale”, che ha realizzato con lui un intervista esclusiva a pochi giorni dalla sua vittoria alle presidenziali contro Marine Le Pen.

Nella lunga intervista il presidente francese, che già nel 2019 aveva parlato in termini molto favorevoli della tecnologia blockchain, ha spiegato come la Francia abbia le risorse e i talenti per diventare un motore dello sviluppo in Europa di questa nuova rivoluzione tecnologica.

Nell’intervista Macron ha affermato che:

“La Francia ha le risorse e i talenti per questo. In un mondo in cui le innovazioni tecnologiche precedono il dominio economico, è essenziale mantenere i nostri posti di lavoro e la nostra indipendenza. Ma anche una sfida sociale e sociale: l’accelerazione del ritmo tecnologico è già una grande forza centrifuga nelle nostre società, tra coloro che padroneggiano i codici del digitale, dell’IA, dei quanti, della blockchain… e quelli, molti, che ne sono esclusi . Dobbiamo garantire che la tecnologia rimanga al servizio della società e del progresso.”

Macron e l’attenzione all’innovazione tecnologica

D’altra parte Macron è sempre stato un presidente molto attento alle nuove innovazioni e alla tecnologia e all’indomani della sua prima elezioni nel 2017 aveva detto che avrebbe fatto di tutto per aiutare le start up francesi a crescere e a svilupparsi. 

In questi cinque anni, come ha ribadito anche durante l’intervista Macron, sono stati creati 26 unicorni contro i 6 presenti nel 2017, gli investimenti in start up sono quintuplicati rispetto a cinque anni fa. Sotto la sua presidenza è stata creata La France Tech, una struttura pubblica nata con lo scopo di sostenere ed aiutare le nuove start up a crescere.

Nell’intervista il presidente francese ha anche fatto cenno alla nuova regolamentazione sugli asset digitali approvata a marzo dal Parlamento Europeo sotto la presidenza francese, il MiCA. A tal proposito ha detto che:

“Voglio citare anche la recente adozione del Digital Markets Act sotto la presidenza francese: credo che sia il testo di regolamentazione economica più importante dall’inizio del XX secolo. Combattendo contro i monopoli, riapriamo il gioco e permettiamo a nuovi giocatori di emergere. Insomma, c’è ancora molta strada da fare, ma se sappiamo fare gli sforzi necessari sono molto ottimista.” 

Nello stesso tempo ha voluto anche assicurare che la Francia sarà molto attenta affinché nel testo non possano essere apportate modifiche che possano danneggiare l’innovazione, come quella per esempio che voleva bandire in Europa il metodo del Proof of Work per le criptovalute considerato troppo dispendioso in termini energetici. Il Presidente francese ha citato infine:

“La Francia presterà molta attenzione affinché il testo non impedisca l’innovazione e rimanga il più neutrale possibile in termini di tecnologia.”

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.