Vitalik Buterin: il co-founder di Ethereum dona USDC per combattere il Covid-19
Vitalik Buterin: il co-founder di Ethereum dona USDC per combattere il Covid-19
Criptovalute

Vitalik Buterin: il co-founder di Ethereum dona USDC per combattere il Covid-19

By Amelia Tomasicchio - 13 Mag 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il co-founder di Ethereum Vitalik Buterin ha deciso di donare ben 4 milioni di dollari nella stablecoin USD Coin (USDC) all’Università del New South Wales (UNSW), per aiutare nello sviluppo di una tecnologia per tracciare la pandemia di Covid-19 e quindi prevenire i contagi.

Vitalik Buterin contribuisce alla lotta contro il Covid-19

Già il 5 maggio scorso Vitalik aveva pubblicato su Twitter un post in cui si capiva la sua preoccupazione sul Covid-19 e in particolare sui sintomi sul lungo periodo.

L’associazione a cui ha donato Buterin si chiama Balvi Filantropic Fund, che già collabora tra l’altro con un un altro progetto crypto, la memecoin Shiba Inu (SHIB), e con l’azienda Crypto Relief, un fondo per donazioni in criptovaluta creato da Sandeep Nailwal nell’aprile del 2021.

Questi fondi donati da Vitalik supporteranno quindi la creazione del progetto Shiba Inu Open-Source Intelligence (OISNT), uno strumento che utilizza l’intelligenza artificiale e dati open source per avvisare di un focolare della pandemia.

Lo strumento è stato creato dal Kirby Institute e dal professore di biosicurezza Raina MacIntyre, per scannerizzare i dati che si trovano online su social media, giornali e via dicendo per capire se ci sono segnali di un aumento di probabilità di focolari di una pandemia.

Infatti, in generale, pare che il tool non sia soltanto indirizzato a sconfiggere la pandemia di Covid-19 ma in generale tutti gli eventuali futuri casi di altre malattie.

usdc logo
La donazione di $4 milioni di Vitalik Buterin per contribuire al progetto Shiba Inu Open-Source Intelligence (OISNT)

A tal proposito Vitalik Buterin ha spiegato:

“L’analisi aperta dei dati pubblici è un’ottima alternativa a forme di monitoraggio più intrusive, che spesso sono anche disponibili solo ai governi e ad altri migliori offerenti ma chiuse al pubblico. Al contrario, un approccio open source e ad accesso libero, che consente ai ricercatori, compresi i lavoratori pubblici, di lavorare in modo collaborativo in tutto il mondo, può essere migliorato e scalato più facilmente per rilevare nuove pandemie ovunque inizino”.

Il 13 maggio scorso Buterin aveva anche donato 1 miliardo in Shina Inu proprio allo stesso fondo Crypto Relief, sempre per sconfiggere il Covid-19.

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro sugli NFT per Mondadori. Inoltre, ha lanciato due progetti NFT chiamati The NFT Magazine e Cryppo, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.