Elon Musk si schiera contro l’algoritmo “manipolatorio” di Twitter
Elon Musk si schiera contro l’algoritmo “manipolatorio” di Twitter
News dal Mondo

Elon Musk si schiera contro l’algoritmo “manipolatorio” di Twitter

By Martina Canzani - 17 Mag 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Elon Musk, CEO di Tesla e SpaceX, torna a parlare di Twitter e di tutti i problemi della piattaforma social, questa volta in particolare dell’algoritmo.

L’algoritmo di Twitter manipola l’attività degli utenti secondo Elon Musk

In uno dei suoi ultimi tweet, Musk ha invitato tutti gli utenti a prediligere un feed cronologico rispetto a quello basato sull’algoritmo della piattaforma.

Musk sembra avere estremamente a cuore tutte queste piccole ma importanti questioni che riguardano il funzionamento della piattaforma e la sua imparzialità.

feed twitter

Il CEO di Tesla spiega poi che il feed predefinito del servizio in realtà potrebbe portare a manipolare le opinioni e le visioni degli utenti.

Gli algoritmi determinerebbero quali tweet devono essere mostrati ad un utente, cercando di prevedere ciò che lo stesso vorrebbe leggere ed approfondire portando così, allo stesso tempo, ad amplificare e quasi manipolare il suo punto di vista su un determinato argomento.

Un codice open source per migliorare il social 

Musk pone l’attenzione anche su un’altra importante questione: passare ad un codice open source.

Decisioni come queste non sono facili poiché portano con sé una serie di implicazioni da non sottovalutare.

Secondo la grande visione di Elon, l’open-sourcing degli algoritmi di Twitter renderebbe migliore il feed predefinito e più in generale l’esperienza sulla piattaforma.

Rendere open source qualcosa, però, non è particolarmente semplice, specialmente se i contributi e le critiche provenienti da fonti esterne non sono abbastanza apprezzate dagli sviluppatori.

Elon Musk afferma nuovamente che Dogecoin ha grande potenziale

Negli ultimi giorni, Elon Musk è tornato ad affermare la sua grande devozione per Dogecoin, criptovaluta che è spopolata nell’ultimo anno soprattutto grazie al suo plateale appoggio e ai suoi tweet.

Musk ha quindi riaffermato che Dogecoin ha un potenziale come valuta.

Il suo tweet era in risposta a un commento del co-creatore di DOGE, Billy Markus, il quale ha scritto che il motivo per cui gli piace la memecoin è perché “sa che è stupido”.

potenziale dogecoin

Il tweet del CEO di Tesla ha quindi ribadito il suo interesse e la sua posizione nei confronti di Dogecoin.

È ormai noto che Musk ritenga che questo token sia perfetto per le transazioni, a differenza di BTC che, sempre secondo il CEO, può essere considerato più una riserva di valore.

Le trattative per l’acquisizione di Twitter sono in pausa

Un altro aggiornamento su Musk e Twitter riguarda proprio l’acquisizione della piattaforma da parte del CEO di Tesla.

 

Musk, come ben sappiamo, si è offerto di acquistare Twitter per circa 44 miliardi di dollari, offerta che è stata subito accettata. 

Da allora si è largamente discusso su come migliorare la piattaforma.

Musk, però, nella giornata di venerdì ha annunciato che la sua acquisizione è stata sospesa.

Sembra che tutto sia momentaneamente di stand-by poiché si è in attesa di dati sicuri e precisi riguardo al numero di account che rientrano effettivamente nella categoria dei profili spam o falsi. Questa percentuale a quanto pare dovrebbe rimanere sotto il 5%. 

Come tutti sanno, Elon Musk è anche noto per la sua stravaganza e per la visione “out of the box” che ha del mondo. Dopo aver lottato per portare la sua ideologia  all’interno di Twitter e per concludere un’acquisizione multimiliardaria, questo è uno dei suoi ultimi commenti:

elon musk social network

“Ora che ho acquistato Twitter, lo sto eliminando. FB è il prossimo. Uscite all’aria aperta e godetevi la vita”.

Le sue opinioni sembrano discordanti, ma ci ricorda una cosa molto importante: che la vita reale è fuori dai social network, che è una soltanto e che va goduta istante per istante. 

Martina Canzani

Laureata in Legge all'Università degli Studi di Milano. Concluso il percorso accademico ha iniziato ad interessarsi al mondo della blockchain, trovando in quest'ultimo un potente strumento di riscatto. La passione si è poi trasformata in lavoro, ora infatti investe in progetti early-stage di finanza decentralizzata e DAO e scrive articoli raccontando tutte le news riguardanti il mondo crypto.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.