L’ecosistema Polkadot porta l’innovazione blockchain nei settori dell’economia tradizionale
L’ecosistema Polkadot porta l’innovazione blockchain nei settori dell’economia tradizionale
Blockchain

L’ecosistema Polkadot porta l’innovazione blockchain nei settori dell’economia tradizionale

By Amelia Tomasicchio - 28 Mag 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Elite di startup blockchain e investitori si sono incontrati a Lugano durante l’evento Decentralized Lugano nell’aprile 2022. L’evento è stato promosso da Mark Cachia, noto gestore di investimenti e fondatore della società di VC Scytale, insieme a BIL (Banca Internazionale del Lussemburgo) e Suisse. 

L’evento aveva lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della tecnologia Blockchain. I partecipanti, gli ospiti e le start-up sono arrivati da tutto il mondo per connettersi e portare l’innovazione blockchain nei settori dell’economia tradizionale utilizzando la tecnologia Polkadot.

Cogliendo l’opportunità di unire la sua vasta esperienza nel settore finanziario e quella tecnologica di Ed Hesse, Gavin Wood e Aeron Buchanan, Mark ha fondato Scytale Ventures nel 2017. I suoi fondi, Horizon I e Horizon II, sono interamente focalizzati su iniziative blockchain.

Abbiamo avuto il grande piacere di chiedere a Mark lo stato e l’evoluzione dell’ecosistema Polkadot.

Come è nata l’idea di creare il fondo VC Scytale Ventures?

scytale venture
Il fondo Scytale Venture fondato da Mark Cachia

La storia inizia nel 2016 con un investimento che ho fatto in una startup gestita da un amico, Ed Hesse, che si chiamava Grid Singularity. La missione era quella di decarbonizzare le reti energetiche mondiali utilizzando la blockchain. 

Per 20 anni ho lavorato nel settore finanziario, recentemente per una banca in Europa e in precedenza per un grande istituto finanziario negli Stati Uniti. L’inizio della vita da imprenditore a metà del 2015 è stata una sfida: ho co-fondato una società di gestione patrimoniale che offriva soluzioni di equity e private equity ai clienti.

Mi sono formato a fondo durante i lunghi spostamenti da e per l’ufficio, consumando libri, lezioni di lingua e podcast, dove ho ascoltato l’intervista di Naval Ravikant sul Podcast di Tim Ferriss. 

Parafrasando, Naval ha detto che voleva investire solo in tecnologia, perché la tecnologia era responsabile del miglioramento della condizione umana e avrebbe continuato a farlo a un ritmo più veloce in futuro. È stato un momento Eureka che mi ha colpito profondamente. 

Avevo incontrato per la prima volta Bitcoin in un articolo di Farhad Manjoo, nel 2011, ma all’epoca era troppo complicato da acquistare, così lo abbandonai. Uno dei nostri dipendenti ha proposto di aprire un fondo di trading di criptovalute, ma io ho resistito, avendo investito miliardi con gli hedge fund e sapendo quanto sia difficile ottenere profitti costanti dal trading. 

Quando le ICO hanno iniziato a prendere piede tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017, ho intravisto l’opportunità di combinare la mia esperienza nella gestione patrimoniale con l’esperienza e il network di Ed nel settore della blockchain, così l’ho contattato nel maggio 2017 e lui ha accettato di lanciare un fondo insieme. Ha coinvolto nel gruppo due suoi amici, Aeron Buchanan e Gavin Wood. La tesi era quella di trovare e investire in team che costruivano imprese sulla blockchain. 

Individuarli presto, valutare i loro modelli di business e la loro tecnologia, quindi investire prima che diventino ampiamente conosciuti e adottati. Pensavo che sarebbe stata un’ovvia proposta di valore per gli investitori tradizionali, soprattutto grazie alla mia rete di contatti nel settore degli hedge fund, ma era un po’ presto e ottimista.

Come hai convinto Gavin Wood a partecipare all’evento Decentralized Lugano?

Il dottor Wood è uno stretto consigliere e un investitore principale. Gliel’ho semplicemente chiesto. Lugano è così bella e facile da raggiungere che non è stato necessario convincerlo. 

Su quali nuovi progetti state lavorando?

Finora ci siamo impegnati a sostenere 11 team con Scytale Horizon II. La tesi è quella di sostenere l’adozione, perché è questo che porterà la blockchain al mainstream. Tra i progetti che sosteniamo ci sono:

  • KILT Protocol, che prevede identità e credenziali digitali, un elemento fondamentale per le interazioni conformi alle normative sulla blockchain. 
  • JUR.io, che cerca di fornire quadri giuridici per le entità native della blockchain public pressure, che fornisce contenuti musicali e culturali NFT, dando potere agli artisti
  • Odyssey Momentum, dedicata alle società digitali che creano, costruiscono e scalano in modo collaborativo in una rete di metaverso decentralizzata e open source.

Quali sono le vostre aspettative per Polkadot e per gli asset digitali in futuro?

Abbiamo assistito a una certa volatilità, in quanto i token pubblicizzati, privi di un solido progetto e/o di una tecnologia di base, sono andati offline, si sono intasati o sono semplicemente crollati. Polkadot, che è stato costruito in una prospettiva a lungo termine, prende gli aspetti positivi di Ethereum, la cui architettura e progettazione tecnica sono state curate dal Dr. Wood, e ne ha imparato i punti deboli per garantire sicurezza, scalabilità, governance, interoperabilità, personalizzazione e aggiornabilità condivise. 

Grazie a queste caratteristiche, crediamo che Polkadot diventerà uno degli ecosistemi più importanti dell’universo Web3. Gli asset digitali sono una parte crescente del panorama tecnologico e, per parafrasare Naval Ravikant, sono il punto di riferimento per il futuro.

Fonte: Cryptosmart.it

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro sugli NFT per Mondadori. Inoltre, ha lanciato due progetti NFT chiamati The NFT Magazine e Cryppo, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.