Cardano NFT: Wolves of Rome
Cardano NFT: Wolves of Rome
Interviste

Cardano NFT: Wolves of Rome

By Patryk Karter - 29 Mag 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

L’ospite di questa settimana nella rubrica NFT di Cardano è un progetto che sta costruendo un gioco di carte collezionabili (TCG) che ricorda i famosi TCG come “Magic: The Gathering” e “Yu-Gi-Oh!”: Wolves of Rome.

L’ospite della scorsa settimana è stato un progetto basato su NFT e metaverse che ha la particolarità di avere i suoi personaggi realizzati a mano in argilla.

Questa iniziativa è un punto di riferimento per gli NFT su Cardano e ogni settimana o due inviteremo qualcuno a rispondere ad alcune domande e a darci un aggiornamento direttamente dall’interno della Cardano community.

Considerando che alcuni dei nostri lettori sono nuovi nello spazio delle criptovalute, avremo un mix di domande semplici e tecniche.

Progetto NFT su Cardano: Wolves of Rome

wolves of rome
Il progetto NFT su Cardano Wolves of Rome è un gioco di carte collezionabili

Ciao, è un piacere avervi qui. Introducete il vostro team, da dove venite, quali sono i vostri background?

Abbiamo un team piuttosto numeroso che proviene da tutto il mondo. La maggior parte del nostro team ha sede in Europa, alcuni in Sudafrica e altri negli Stati Uniti

Per maggiori informazioni, vi suggerisco di dare un’occhiata alla pagina del nostro team (sì, siamo tutti doxati). 

Come è nato Wolves of Rome? Qual è la storia e perché avete scelto Cardano per il vostro progetto?

Il mondo di WoR è stato concepito per la prima volta qualche anno fa dal nostro magnifico scrittore, Akira. Ha creato un’intera storia del nostro universo e dei suoi diversi imperi: la loro storia, i loro scopi politici, le figure leggendarie, le religioni e molto altro ancora. 

La scelta di Cardano è stata motivata innanzitutto dal fatto che noi stessi eravamo già presenti in questo spazio, come investitori, credenti e membri della community. In secondo luogo, ci identifichiamo con la forza di essere tra i primi a muoversi su una blockchain come Cardano. Infine, ci siamo immedesimati nell’approccio costante e metodico della community di Cardano allo sviluppo e alla ricerca.  

Avete adottato un approccio diverso rispetto a molti altri progetti, lanciando una versione del gioco prima di rilasciare gli NFT. Come avete finanziato lo sviluppo iniziale?

Riteniamo che i creatori che credono veramente in un prodotto e che hanno i mezzi per autofinanziarsi fino a un certo punto, debbano farlo. Crediamo al 100% in quello che stiamo facendo a WoR e pensiamo che sia giusto assumerci il rischio iniziale invece di farlo ricadere sulla community. Per questo motivo, abbiamo lavorato in sordina per sviluppare un gioco funzionante, in modo da presentare una prova di concetto alla nostra community prima che venga loro richiesto di acquistare un NFT. 

Ovviamente riconosciamo che non tutti i progetti sono in grado di farlo, ma se lo sono, dovrebbero farlo. La crypto community non è estranea a scam e delusioni, quindi abbiamo voluto dimostrare prima di annunciare.

Dopo essere stati in fase di sviluppo dall’agosto del 2021 e di open alpha testing dal gennaio del 2022, ci stiamo finalmente preparando per la nostra prima vendita di utility NFT, che sarà ricca di ricompense e oggetti riscattabili in-game. Potete leggere di più sul nostro drop Empires NFT qui

State per lanciare i vostri NFT, raccontateci qualcosa di più. E spiegateci come state integrando la tecnologia NFT nel vostro gioco

Il lancio della stagione 1 dei nostri Empires NFT include 2000 statuette di busti romani in 3D di alta qualità, con permutazione unica. Ci saranno in totale 6 stagioni, ognuna delle quali verrà rilasciata circa 2,5 mesi dopo la precedente. Ogni drop rappresenta uno dei nostri imperi (Roma, Egitto, Cartagine, ecc.). 

wolves of rome
Il prossimo drop NFT di WoR presenta busti romani

Questi NFT NON saranno utilizzati nel nostro gioco, poiché il nostro gioco non è collegato in alcun modo alla blockchain. Crediamo fermamente che per colmare il divario tra i giocatori normali e lo spazio di gioco web3, dobbiamo rendere l’aspetto “crypto” il più impercettibile possibile. Per questo motivo, i nostri Empires NFT servono esclusivamente a coinvolgere la comunità, ma, in linea con i nostri principi, DEVONO essere dotati di utilità (per saperne di più, consultare il link precedente). 

Abbiamo optato per un metodo molto semplice: il server si sincronizza con il wallet crypto del giocatore, rileva l’esistenza di NFT WoR, che si tratti di carte o della nostra serie Empires Genesis, e poi riproduce le carte o le loro utilità nel client di gioco. Quindi, se acquistate una carta WoR sul mercato secondario e la tenete nel vostro portafoglio registrato, sarete in grado di usarla nel gioco. È abbastanza semplice, e crediamo fermamente nell’utilizzo della blockchain solo quando ha senso.

Vogliamo che WoR sia accessibile ai giocatori indipendentemente dal fatto che siano o meno sulla blockchain, quindi abbiamo adottato quello che chiamiamo il sistema ‘choose-to-mint’, in cui i giocatori possono mintare i loro asset se vogliono venderli sui mercati secondari o interagire con essi sulla blockchain.

Ottimo lavoro. Qualche parola finale? Dove vi possono trovare le persone?

Non siamo solo impegnati a creare un gioco davvero divertente, ma anche a costruire una community di persone che condividono gli stessi interessi e che sono ugualmente affascinate dalla prospettiva del gaming crypto – e in particolare dei TCG. Chiunque voglia condividere questa visione, è benvenuto a venire a giocare con noi su Discord o Twitter

wolves of rome
Un’altra illustrazione di questo progetto NFT su Cardano

Disclaimer: Le opinioni e i punti di vista delle persone intervistate sono loro e non riflettono necessariamente quelli della Cardano Foundation o di IOG. Inoltre, questo contenuto è solo a scopo educativo, non costituisce una consulenza finanziaria.

Patryk Karter

Appassionato di nuove tecnologie, nutrizione e filosofia, Patryk passa le giornate ad esplorare l'infinito universo del web. Si sposta a Londra dopo aver vissuto la maggior parte della sua vita a Roma. Tenta la vita da studente di Informatica presso il King's College of London ma capisce presto che non è la strada per lui, invece decide di investire il suo tempo e denaro nel mondo della Blockchain e nel frattempo completare corsi universitari disponibili sul web. Ora si occupa di trading e svolge dei lavori come freelancer.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.