Il report di Andreessen Horowitz sui prossimi trend crypto
Il report di Andreessen Horowitz sui prossimi trend crypto
Criptovalute

Il report di Andreessen Horowitz sui prossimi trend crypto

By Vincenzo Cacioppoli - 1 Giu 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Nel nuovo report del fondo di venture capital Andreessen Horowitz, vengono mostrati tutti i prossimi trend del mondo delle crypto.

I prossimi trend crypto secondo il report della venture capital a16z

È stato pubblicato il 17 maggio scorso il nuovo report della venture capital Andreessen Horowitz, conosciuta anche come a16z, che ha voluto tratteggiare un quadro della situazione attuale del mondo delle criptovalute e quali potrebbero essere i prossimi trend del settore.

Secondo gli esperti che hanno redatto il report, questo sarebbe il quarto ciclo delle criptovalute, che sono caratterizzate da periodi di euforia e periodi, invece, di mercato negativo, definiti “crypto winters”.

Nel report si legge che:

“Questi cicli appaiono caotici ma hanno un ordine sottostante, approssimativamente caratterizzato come 1) il prezzo di Bitcoin e di altre criptovalute sale, 2) portando a nuovo interesse e attività sui social media, 3) portando più persone a essere coinvolte, contribuendo con nuove idee e codice, 4) portando alla creazione di progetti e startup, 5) portando al lancio di prodotti che ispirano più persone, culminando infine nel ciclo successivo”.

Il primo ciclo è considerato quello che va dal 2009 al 2012, il secondo dal 2012 al 2016, il terzo dal 2017 al 2019 e appunto quello attuale dal 2020 ad oggi. Questo periodo costellato da un periodo di grande euforia culminato con i record del novembre scorso, sta adesso attraversando un momento di cali generalizzati. 

Web 3: la nuova frontiera del mondo crypto

web3 internet
Web3 paragonato ai primi sviluppi dell’era di Internet

Secondo il report, il Web 3 sarà il driver che guiderà la ripresa ed è da considerare come la più grande innovazione degli ultimi anni.

Secondo la ricerca della venture capital, il Web 3.0 è stato il metodo di gran lunga più redditizio per gli sviluppatori rispetto a qualsiasi altro strumento simile presente sul web.

Secondo l’analisi di Andreessen Horowitz, il Web 3 ha pagato $174.000 per creatore. Meta (Facebook) ha pagato $0,10 per utente, Spotify $636 per artista e YouTube $2,47 per canale.

Considerando le potenzialità e i numeri attuali, il Web 3 è solamente all’inizio dell’espansione. Nel report si fa notare come il numero di utenti sia paragonabile a quello di Internet nel 1995. In proiezione gli analisti fanno intendere che il Web 3.0 possa avere uno sviluppo del tutto simile all’impatto che ha avuto Internet. 

Altro aspetto assolutamente interessante è la crescita esponenziale che ha avuto la DeFi, che in soli due anni da zero è arrivata a capitalizzare oltre 100 miliardi di dollari. Considerando che circa 1,7 miliardi di persone nel mondo non hanno un conto corrente, il numero di utenti della finanza decentralizzata è destinato a crescere ulteriormente nei prossimi mesi.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.